Crea sito

L’SOS di 15mila scienziati per la terra

(IlMezzopgiorno) 15mila scienziati hanno appena lanciato un SOS, un “avvertimento alla razza umana”: se non fermiamo l’inquinamento, la Terra è condannata. I fatti sono terrificanti: animali e piante si stanno estinguendo mille volte più velocemente del ritmo naturale. Il 90% della Grande Barriera Corallina è morto o sta morendo. Gli oceani sono così pieni di plastica che i pesci ne sono diventati dipendenti. Ma gli scienziati ci danno anche una speranza: una specie di miracolo ci può salvare. Se riusciremo a proteggere subito il 50% del Pianeta dallo sfruttamento umano, gli ecosistemi saranno in grado di stabilizzarsi e rigenerarsi. La vita sulla Terra si riprenderà! I governi di tutto il mondo si sono già impegnati a tutelare un quarto del pianeta, quindi sappiamo che si può fare. Ma nessun movimento globale sta credendo in questo piano di guarigione miracoloso!
Nessuno tranne noi.Se almeno 50mila di noi donano ora, non solo possiamo far conoscere questa proposta, e tenere testa a chi inquina il pianeta, ma anche far approvare un accordo per salvare la Terra al cruciale Vertice Globale sulla Biodiversità. Proprio in questo momento stiamo distruggendo gli ecosistemi più complessi spingendo così verso il collasso il delicato equilibrio che permette la vita sulla Terra. Mettere sotto tutela il 50% del Pianeta permetterebbe alla natura di rigenerarsi, ma quasi nessuno, oggi, è consapevole della gravità della crisi, o della possibile soluzione. Molti esperti concordano che questo sia esattamente quello che serve, e il Vertice Globale sulla Biodiversità del 2020 può realisticamente adottare questo obiettivo ambizioso.

Ma non succederà senza di noi. Avaaz ha la diffusione nazionale, le dimensioni globali e l’ambizione necessarie a sostenere un’idea così grandiosa. Quando nel 2013 lanciammo l’idea del 100% di energie pulite, in tanti ci dissero che non era realistico. Ma 24 mesi dopo a Parigi, ogni governo del mondo ci ha dato ragione.