Crea sito

Itinerari di viaggio. Salonicco, l’antica Tessalonica

(Gianluca Parisi). Molti di noi conosceranno le famose lettere ai tessalonicesi di San Paolo che avranno sentito in chiesa assistendo ad una messa. L’antica Tessalonica, Salonicco in italiano, è stata una città cristiana dalla conversione dei romani ad opera dell’imperatore Costantino fino all’invasione turca il cui dominio è durato fino alla fine della Prima Guerra Mondiale.
Salonicco è l’antica capitale della Macedonia, nazione divisa oggi in due: una regione greca ed una altra indipendente la cui capitale è Skopje con popolazione metà greca e metà albanese.
Salonicco assomiglia un po’ a Napoli, città sul mare che si arrampica sulle alture circostanti, entrambe accomunate dalle origini nella Magna Greca. Napoli Bizantina (Napanoma in greco) è culturalmente e artisticamente più conservata, mentre la Salonicco Bizantina è stata quasi completamente distrutta e bruciata dal dominio ottomano.

COSA VEDERE
Girando per la città, venendo dall’aeroporto, proseguendo verso il centro ecosteggiando il lungomare il primo monumento che si incontra è la Torre Bianca. Le chiese ortodosse non mancano ed è facile imbattersi negli angoli delle strade in cappelle votive in legno dove i fedeli entrano, fanno il segno della croce, diverso da quello cattolico, ed escono, Il tutto in meno di un minuto.
Nella parte alta della città l’Acropoli e le Sette Torri, antica fortificazione, testimoniano la Salonicco pre-romana. Nella città ci si può imbattere in archi trionfali, costruiti dai romani a testimonianza della conquista della città.
Le Catacombe di San Giovanni, Iwannoy in greco, testimoniano le persecuzioni subite dai cristiani prima della conversione di Costantino. Si possono incrociare antichi edifici romani adibiti prima a chiese, poi a moschee ed ora semplici monumenti a testimonianza del glorioso passato. Da vedere la chiesa del Santo Patrono, San Demetrio e quella di Santa Sofia, nei pressi della quale si trovano le catacombe di San Giovanni. Pochissime le chiese cattoliche, quasi sempre chiuse, aprono solo la domenica per dare la possibilità alle badanti filippine cattoliche di partecipare alla messa. La chiesa cattolica più frequentata è quella di San Paolo che si trova in via Fragon.

ALTRO
Da Salonicco si possono raggiungere altre località importanti come la capitale Atene o Skopje distanti 4 ore di treno. L’aeroporto internazionale si trova a 12 km dal centro ed è collegato bene in autobus il numero 78 al costo (nel 2012) di 90 cent a corsa. Il caffè espresso costa 1,90 cent. perchè è poco diffuso ed ha lo stesso costo di quello greco che si beve alla turca. Si lascia decantare per molto tempo, ci vuole una mezz’oretta per degustarlo.

MANGIARE
Pochi i ristoranti italiani, se si è fortunati si può scorgere per la città qualche insegna in italiano come la Rosticceria Wpapio gestita da un romano. Più che una rosticceria è un piccolo ristorante con una saletta da 20 posti cucina italiana. Offre anche un ottimo caffè, nulla a che vedere con quello turco. Si trova nei pressi della Rotunda, Potunta in greco, altro monumento da vedere, assieme alla statua in bronzo di Carlo Magno.

COSTO DELLA VITA
I prezzi, caffè a parte, sono in generale come in Italia a volte anche più economici. Si dorme negli hotel del centro a 20 euro a persona. Una doppia costa 35-40 euro una tripla 45 euro a giorno.