Crea sito

Le Telecamere Rai de “I dieci comandamenti” a Castel Volturno,

(caserta24ore) CASTEL VOLTURNO. Nella serata di domenica 26 novembre, su Rai Tre, alle ore 20:30, è andato in onda il secondo appuntamento della nuova stagione de “I dieci comandamenti”. Il reportage, dal titolo “Sopravvissuti”, a cura del giornalista Domenico Iannacone, ha posto la lente d’ingrandimento sul litorale domitio e, più in particolare, sulla condizione della città di Castel Volturno. Ad intervenire è stato anche il sindaco Dimitri Russo. Immediata la reazione del consigliere comunale indipendente del comune castellano, Antonio Luise, il quale, in una nota stampa, ha voluto esprimere il suo punto di vista. “Si parla sempre delle stesse cose, degli stessi problemi, come, tra gli altri, l’abusivismo – afferma Luise -. Siamo stanchi del fatto che, ogni volta, si prospetti al mondo un quadro piangente della nostra Castel Volturno. E’ vero, indubbiamente i problemi posti al centro dell’attenzione sono importanti, ma è stato bello vedere che, almeno in questa trasmissione, è stato sottolineato anche qualche aspetto positivo come l’eccellenza della clinica di Pineta Grande o l’I.M.A.T., primo centro nautico nazionale con oltre 15.000 corsisti annuali provenienti da tutto il mondo. E’ da questi punti forti che bisogna ripartire; è da questi imprenditori che si deve rilanciare la nostra città, inducendo altri professionisti ad investire nuovi capitali con agevolazioni e provvedimenti progressisti. Il Plana Resort o l’Ecoparco del mediterraneo, ad esempio, non devono essere considerati come dei casi isolati, ma come dei pilastri della Castel Volturno del futuro. Mi ha rattristato l’atteggiamento barbaro e denigrante del sindaco Dimitri Russo, il quale ha trasmesso un messaggio profondamente negativo, privo totalmente di speranza – continua -. Piuttosto che parlare di abbattimento dell’American Palace, perchè Russo non chiede quello dell’hotel Zagarella, dove è entrato con le telecamere Rai? Questa domande mi sorge spontanea. Mi dispiace che non si parli di progetti importanti, come, ad esempio, il Master Plan o il progetto Bandiera Blu. Di questi piani di ripresa, sembra essersi dimenticato totalmente il primo cittadino. Pare davvero sia in carica solo per scaldare la poltrona. Tutta Italia ha visto la trasmissione e, probabilmente, ha confermato un’idea di base negativa. Indubbiamente ci sono molte cose da recuperare, ma c’è anche il bello che non viene raccontato. C’è la realtà di un territorio che ospita il calcio Napoli (lo stesso Hamsik vive da 11 anni qui ), che a due passi dal parco Saraceno vanta la presenza di ville spettacolari sul modello americano. Per non parlare dell’ubicazione, a pochi passi dall’asse mediano, e di quel progetto Porto che, dopo anni, sembra in via di attuazione. Ne scaturiranno posti di lavoro e benessere per i cittadini del nostro paese. Dobbiamo costruire – conclude – piuttosto che pingerci addosso. Io resto, non vado via, e, soprattutto, combatto ogni giorno per il bene della mia città, insieme alle associazioni ed agli imprenditori ”.