Crea sito

Petizione di SOS Ragazzi contro la liberalizzazione della droga

(Caserta24ore) Una nuova grande emergenza ci chiede di reagire e di far sentire subito la nostra voce ai nostri politici per fermare un disegno di legge altamente distruttivo per i minori. Nella giornata di giovedì 15 luglio è stato infatti annunciato un progetto di legge per la liberalizzazione della cannabis (pianta dalla quale si ottiene la marijuana e il cosiddetto spinello) firmato da ben 218 deputati di quasi tutti gli schieramenti politici. Si tratta di un testo veramente pericoloso, che renderà legale per i maggiorenni il possesso di sostanze stupefacenti fino a 20 grammi, la coltivazione in forma associata e persino la vendita al dettaglio in negozi forniti di licenza dei Monopoli di Stato.Un progetto di legge veramente inaccettabile che renderà legale una pratica, quella del consumo di droga, che distrugge la vita delle tante persone che ne diventano dipendenti, persone che dal consumo di marijuana passano velocemente all’uso di sostanze come la cocaina e l’eroina. Una moltitudine di vite stroncate e di famiglie distrutte.La distinzione tra “droghe leggere” e “droghe pesanti” è falsa e completamente forviante, visti gli effetti nocivi che anche i derivati della cannabis (cosiddette “droghe leggere”) hanno sull’organismo: gli studi confermano che il loro uso provoca danni al sistema nervoso centrale, agendo sulla trasmissione dei neuroni, esattamente come le droghe pesanti. Si crea inoltre un indebolimento del sistema immunitario, sindromi amotivazionali, problemi respiratori e cardiaci. Nei minori questi effetti sono notevolmente maggiori e maggiore è il pericolo di diventarne dipendenti! Lo Stato non può giocare o, peggio, speculare sulla salute e la vita dei nostri ragazzi. Firma anche tu la petizione di SOS Ragazzi rivolta ai deputati! Per ogni firma verrà inviata automaticamente una mail di protesta a ciascuno dei parlamentari eletti alla Camera. È necessario che i deputati sentano la pressione del popolo della famiglia che chiede loro di impedire questo gravissimo atto contro la nostra società e contro il futuro dei nostri ragazzi.