Crea sito

CAPUA Lettera aperta per il Museo Campano

( di Pasquale Iorio) Al sottosegretario MIBACT On. Antimo Cesaro,Al prof. Sebastiano Maffettone – Regione Campania
Al Presidente Provincia di Caserta A. Di Costanzo L’evento organizzato dalle Piazze del Sapere e dal FTS Casertano – in data 3 marzo nella splendida Sala Convegni del Museo Campano – è stato una bella occasione di partecipazione consapevole e di cittadinanza democratica per il futuro di uno dei gioielli del nostro patrimonio artistico e storico. L’iniziativa prese corpo dalla campagna avviata dal TCI e Volontari per Capua – sostenuta da una ampia rete di associazioni culturali e dal Forum del terzo settore – per sollecitare interventi volti a superare una fase di incertezza nella gestione e manutenzione del Museo Campano, a seguito della riforma delle province. In quella occasione il prof. Sebastiano Maffettone, Delegato Regionale alla cultura, ed il sottosegretario MIBACT on. Antimo Cesaro sottolinearono le azioni messe in campo dal Governo e dalla Campania con risorse destinate ai beni culturali ed alla ricercna, anche grazie alle riforme innovative nel settore (a partire da quella di dare autonomia gestionale ai musei e grandi attrattori, come la Reggia). In merito al Museo Campano l’on A. Cesaro ribadì il ruolo di “facilitatore” che il Ministero intende svolgere per accelerare le procedure di ricollocazione del prestigioso monumento nell’ambito del Polo Museale Campano in base ad un accordo più ampio di quello già definito sul personale tra la Provincia e la Regione Campania. Infatti, in questo processo di riorganizzazione e valorizzazione gli attori princpali decisivi in questa fase rimangono gli enti del territorio, con il sostegno e la partecipazione delle comunità e delle imprese.

A tal fine venne avanzata una proposta precisa: di fissare da subito una data per un incontro – il giorno 11 maggio pv – in cui definire un protocollo d’intesa tra i due Enti per il futuro del Museo Campano, con il contributo del MIBACT e con la partecipazione del terzo settore (sul modello che si sta avviando con la Fondazione per la Reggia di Carditello). Questo impegno venne sancito con una suggestiva foto di gruppo tra gli attori istituzionali e sociali che saranno protagonisti di questo percorso progettuale, suggellata con un applauso corale di tutti i cittadini partecipanti alla manifestazione.Ora ci stiamo avvicinando alla data indicata, per cui Le chiediamo (in funzione del ruolo di tutor e garante sociale che in quella sede venne affidato al Forum Terzo Settore) se è stata avviata la procedura per definire la data, sede e modalità dell’incontro suddetto.
Aislo – Le Piazzed el Sapere