Crea sito

VOTO: LE SCELTE CHE DEVE FARE UN CRISTIANO SECONDO PAPA BENEDETTO XVI

(da Zenit.org) CITTA’ DEL VATICANO: Ci sono tre principi non negoziabili per la Chiesa e i cristiani nella vita pubblica, ha spiegato questo giovedì Benedetto XVI: la difesa della vita, il riconoscimento della famiglia e la libertà di educazione. Il Papa lo ha detto a circa cinquecento parlamentari del Partito Popolare Europeo, che hanno celebrato a Roma il loro congresso continentale. Nel suo discorso, con il quale ha risposto alle parole di saluto del Presidente del Gruppo Parlamentare, Hans-Gert Poettering, il Santo Padre ha iniziato rivendicando il diritto dei rappresentanti religiosi ad esprimere i loro princìpi in una società democratica. “Quando le Chiese o le comunità ecclesiali intervengono nel dibattito pubblico, esprimendo riserve o ricordando princìpi, non stanno manifestando forme di intolleranza o interferenza, perché questi interventi cercano unicamente di illuminare le coscienze, affinché le persone possano agire liberamente e con responsabilità, in base alle autentiche esigenze della giustizia, anche se questo può entrare in conflitto con situazioni di potere e di interesse personale”, ha spiegato. Passando ad analizzare in particolare gli interventi pubblici della Chiesa Cattolica, la sua massima guida ha osservato che il suo interesse “si centra sulla protezione e sulla promozione della dignità della persona e per questo presta particolare attenzione ai principi che non sono negoziabili”. Con la chiarezza di un professore, il Pontefice ha enunciato questi principi:

– protezione della vita in tutte le sue fasi, dal primo momento del suo concepimento fino alla morte naturale;
– riconoscimento e promozione della struttura naturale della famiglia, come unione tra un uomo e una donna fondata sul matrimonio, e la sua difesa di fronte ai tentativi di far sì che sia giuridicamente equivalente a forme radicalmente diverse di unione che in realtà la danneggiano e contribuiscono alla sua destabilizzazione, oscurando il suo carattere particolare e il suo ruolo sociale insostituibile;
– la protezione del diritto dei genitori ad educare i loro figli. Benedetto XVI ha constatato che “questi principi non sono verità di fede”, perché “anche se sono illuminati e confermati dalla fede” “sono insiti nella natura umana, e pertanto sono comuni a tutta l’umanità”. “L’azione della Chiesa nella loro promozione non è quindi di carattere professionale, ma si dirige a tutte le persone, indipendentemente dalla loro affiliazione religiosa”, ha affermato. Quest’opera di difesa degli aspetti fondamentali della dignità umana, ha concluso, non dovrebbe essere realizzata solo dalla Chiesa. Di fatto, “è ancor più necessaria nella misura in cui questi principi sono negati o fraintesi, perché in questo modo si compie un’offesa alla verità della persona umana, una grave ferita provocata alla giustizia stessa”