Crea sito

Calvi Risorta. Bonifica ex Pozzi: un ping pong che scontenta tutti

Di seguito la risposta scritta che il sindaco Giovanni Lombardi ha fatto pervenire ai consiglieri di opposizione, in merito ad una precisa interrogazione sulla situazione ex Pozzi.
Al link di seguito la lettera integrale del sindaco indirizzata alla regione https://www.facebook.com/amministrazionecomunalecalvirisorta/posts/359309994503118) con la quale si precisa che il Comune si propone come soggetto attuatore della sola bonifica, mentre le altre fasi sarebbero state appannaggio di Invitalia (società di stato in orbita PD) su incarico della Procura.
“Davanti a tanta confusione l’unico atto di gestione, – fanno sapere da Orizzonte Comune, il gruppo di opposizione a Calvi – ad oggi, realmente esistente è la delibera di giunta regionale N 510 del 01/08/2017 in cui si evince chiaramente che il soggetto attuatore di tutte le fasi di caratterizzazione, messa in sicurezza ed eventuale bonifica sarà la sopracitata Invitalia, interventi da espletarsi con i 15 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione nell’ambito del PRB (Piano Regionale delle Bonifiche).

La sensazione è che il nostro sindaco sia ormai fuori tempo massimo e che non basti una semplice letterina (come già avvenuto con il 118) per cambiare il corso degli eventi.
Serviva una decisione tempestiva, magari prendendo coscienza per tempo delle lacune negli uffici e accettare l’ipotesi di consorzio avanzata dai comuni viciniori.
Invece sì è voluto proseguire da soli, in un ping pong di notizie e smentite che ci porterà irrimediabilmente ad una soluzione che scontenterà tutti.
Intanto per sabato 7 Ottobre è prevista una manifestazione organizzata dai comitati locali per dire un netto NO alla gestione di Invitalia e chiedere bonifiche reali e sotto controllo popolare: avrà il nostro sindaco il coraggio di presentarsi e dire realmente come stanno le cose?