Crea sito

Napoli, parco Mascagna: fissato per il 26 febbraio l’inizio dei lavori

(Caserta24ore) NAPOLI Impegnati circa 20mila euro oltre IVA. 40 i giorni per la loro esecuzione. Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, promotore della petizione on-line sulla riapertura del parco Mascagna, petizione che ha raccolto ben 600 firme, al sito https://www.change.org/p/comune-di-napoli-basta-con-i-ritardi-riaprite-in-sicurezza-il-parco-mascagna-chiuso-da-quasi-due-mesi , annuncia che domani si recherà presso il parco per verificare che i lavori per messa in sicurezza delle alberature, così come annunciato in un manifesto, a firma dell’assessore al verde del Comune di Napoli, affisso nei giorni scorsi sui cancelli chiusi da quasi sette mesi, siano effettivamente iniziati. ” I lavori da realizzare – puntualizza Capodanno – consistono, da quanto si legge nell’avviso, nell’immediato abbattimento di tre soggetti arborei con la loro sostituzione, nell’approfondimento strumentale per la verifica della tenuta radicale di altre cinque alberature e in interventi alboculturali sui restanti soggetti arborei indagati con interventi sia di tipo ordinario, quali rimozione di ramificazioni instabili, rimonda del secco e spignatura che straordinario, quali rigenerazione radicale con palo iniettore, consolidamenti branche mediante l’applicazione di tiranti dinamici “.” Dagli atti pubblicati sul sito intenet del Comune di Napoli – precisa Capodanno – risulta che con determina n. 2 della Direzione centrale ambiente, tutela del territorio e del mare, del 15 febbraio scorso, pubblicata all’albo pretorio il giorno seguente, dopo che era andata deserta la procedura di gara, per i lavori in questione si è fatto ricorso all’affidamento diretto, ai sensi dell’art. 36 c.2 lett. a ) del D.lgs. 50/2016. L’importo complessivo impegnato, che sarà corrisposto alla ditta che ha avuto assegnati i lavori, che è la stessa che nei mesi scorsi ha effettuato anche le verifiche, risulta essere di € 19.990,00, oltre Iva al 22%. Nella documentazione allegata alla determina, in relazione alla durata, si legge che “la durata del servizio è stabilita in 40 giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data di avvio del’esecuzione del servizio, in seguito ad emissione a ordinativo del Responsabile unico del procedimento ” “. ” Nelle premesse della determina – sottolinea Capodanno – si legge anche: ” rilevato che risulta necessario ed urgente procedere all’affidamento degli interventi di manutenzione a carico delle alberature radicate presso il Parco Mascagna al fine di restituire al più presto ai cittadini uno spazio verde ad altissima frequentazione da parte di bambini, anziani e famiglie, e al fine di evitare un irreversibile ulteriore deterioramento degli alberi del parco “.” Peccato – commenta Capodanno – che siano dovuti passare quasi sei mesi, che hanno prodotto, tra l’altro, una serie di manifestazioni di protesta dei cittadini , perché finalmente venisse varato , con notevole quanto inaccertabile, il provvedimento in questione “.” Né per giustificare tali ritardi può essere invocata la ben nota situazione economica delle casse comunali – aggiunge Capodanno – dal momento che, al riguardo, nel provvedimento succitato si attesta che ” ai sensi della circolare PG/2017/807267 del 20/10/2017 della Direzione Centrale Servizi Finanziari avente ad oggetto “Avvio della procedura di blocco della spesa ex art. 148 bis D.Lgs. 267/2000, in esecuzione della Delibera n. 240/2017 della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Campania”, le spese di cui al presente provvedimento sono necessarie ad evitare che siano arrecati gravi danni patrimoniali all’ente, in quanto l’ulteriore protrarsi della chiusura del Parco Mascagna, con la conseguente impossibilità di effettuare gli ordinari interventi di manutenzione, porterebbero tale bene ad un inevitabile deterioramento con aggravi di costi per le ulteriori attività manutentive e conservative che si dovranno mettere in atto; peraltro, la mancata esecuzione delle indagini strumentali e dei conseguenti interventi manutentivi a carico delle alberature radicate presso il Parco determinerebbe un danno irreversibile al patrimonio arboreo ” “.