Crea sito

Aversa. Il 2 maggio la lettura della Gaudete et Exsultate di Papa Grancesco

(Caserta24ore) AVERSA L’esortazione apostolica di Papa Francesco al centro di un incontro organizzato dall’Ufficio per il Laicato e dalla Cdal della diocesi di Aversa. Il Vescovo di Aversa, Mons. Angelo Spinillo, invita la comunità alla lettura dell’esortazione apostolica di Papa Francesco “Gaudete et exsultate”, in programma per mercoledì 2 maggio 2018, alle ore 18, nella sala Guitmondo del Seminario Vescovile di Aversa. Il documento, come è detto esplicitamente nel sottotitolo, ha come argomento la «chiamata alla santità nel mondo contemporaneo». Il Pontefice lancia un messaggio «nudo», essenziale, che indica ciò che conta, il significato stesso della vita cristiana, che è, nei termini di sant’Ignazio di Loyola, «cercare e trovare Dio in tutte le cose». “Non aver paura” della “santità della porta accanto”. “Per un cristiano non è possibile pensare alla propria missione sulla terra senza concepirla come un cammino di santità”, scrive il Papa, spiegando che i santi non sono solo “quelli già beatificati e canonizzati”, ma il “popolo” di Dio, cioè ognuno di noi, che può vivere la santità come un itinerario fatto di “piccoli gesti” quotidiani. Il testo verrà presentato dal prof. Don Armando Nugnes, docente presso la Pontificia facoltà teologica dell’Italia meridionale e l’ISSR di Aversa. Il convegno, promosso dall’Ufficio per il Laicato e dalla Consulta dei laici in collaborazione con l’Istituto di Scienze religiose, l’Ufficio di Pastorale Familiare e l’Ufficio per l’insegnamento della religione cattolica, è rivolto agli aderenti di tutte le associazioni laiche del territorio, ai docenti di religione, ai genitori, ai formatori, a quanti a vario titolo sono interessati a sostenere nel nostro territorio iniziative volte diffondere il bene comune e la dignità dei valori umani. Sono previsti gli interventi di don Sebastiano Sequino, direttore dell’ufficio per il Laicato e della prof.ssa Maria Luisa Coppola, segretaria della Consulta dei laici.