Crea sito

Napoli. Parcheggiatori abusivi, vanno presi con la forza e allontanati da Napoli

(Caserta24ore news) NAPOLI Parcheggiatori abusivi, violenza senza freni. Boom di denunce. Vanno presi con la forza e allontanati da Napoli. A via Oberdan gestiscono i parchimetri imponendo le loro tariffe. A Sedile di Porto movida ostaggio degli abusivi che estorcono denaro ai giovanissimi. A via Terracina litigano tra loro danneggiando le auto in sosta. “La violenza e l’arroganza dei parcheggiatori abusivi non conosce più limiti. A via Oberdan gestiscono autonomamente finanche i parchimetri impedendo agli automobilisti di prendere regolarmente il ticket e imponendo la loro tariffa di cinque euro per due ore di sosta. Nella video denuncia ricevuta si vede chiaramente uno di loro che spiega ad un automobilista che è lui a provvedere alla gestione del ticket e che il suo ‘lavoro’ deve essere pagato. In via Sedile di Porto invece una vera e propria gang di parcheggiatori impone la sua legge a tutti gli avventori dei locali, per lo più giovanissimi, che senza fiatare sono costretti a pagare. Chi si rifiuta viene minacciato e alla fine cede. A via Terracina due parcheggiatori, litigando tra loro per la gestione della strada, hanno persino danneggiato le auto in sosta. Contro questa barbarie urbana servono leggi più incisive che consentano alle forze dell’ordine di individuare e arrestare immediatamente questi estorsori. Vanno prelevati con la forza e allontanati da Napoli e dagli altri territori che infestano. Per questo stiamo proseguendo nella raccolta firme rivolta ai Parlamentari affinchè si adoperino al più presto per approvare la norma che ne possa prevedere la facilità di arresto per le forze dell’ordine”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale dei verdi, Francesco Emilio Borrelli che da tempo sta portando avanti la battaglia contro i parcheggiatori abusivi con il consigliere comunale del Sole Marco Gaudini e lo speaker radiofonico Gianni Simioli che in queste ultime settimane hanno registrato un boom di segnalazioni e denunce da parte di cittadini esasperati.