Crea sito

Caserta. Al Cimitero una messa per Tutti i Casertani Defunti

(Caserta24ore) CASERTA Don Enzo Carnevale: “Occhi nuovi per guardare quella sedia vuota che è presenza”
“Maria è gioiosa perché nell’ annuncio dell’Angelo si sente investita dell’amore appassionato di Dio. Da qui nasce la sua gioia e la sollecitudine nel testimoniare a chi è nel bisogno in quel momento la gioia e l’amore ricevuto”. Meditando sul vangelo della Visitazione ha esordito nell’omelia don Carnevale “Il senso del Natale allora è la gioia di sentirsi amati da Dio come Maria. Quando ci si sente amati profondamente, si ha la percezione di esistere, di esserci e dunque di vivere pienamente”. Il pensiero toccante che ha fatto vibrare il cuore è stato : “Guardiamo con occhi nuovi quella sedia vuota che è presenza, la presenza e l’amore di Cristo la riempie e ci consola” .
L’Associazione Cattolica Accollatori di Sant’Anna di Caserta, in vista del Santo Natale di Nostro Signore Gesù Cristo, ha vissuto un momento intenso di preghiera e meditazione presso il luogo di riposo terreno dei propri cari. L’iniziativa “Natale con i nostri Defunti” presso il Cimitero di Caserta con una celebrazione eucaristica e canti di gioia in suffragio di Tutti i Casertani Defunti presieduta da don Enzo Carnevale presso il Cappellone Comunale nella zona nuova.Al termine della celebrazione il presidente Giovanni Farina, accompagnato dal direttivo composto da Margherita Rea, Giuseppe Pisani e Valentino Di Matteo, con una rappresentanza di accollatori ed accollatrici di Sant’Anna, ha deposto un omaggio floreale presso la Tomba Onoraria dell’associazione nella zona antica del Cimitero. Nel segno del giubileo della Misericordia le offerte raccolte sono state devolute alla Fondazione Telethon.Questa iniziativa si inquadra nell’insieme di iniziative predisposte dal sodalizio per il Santo Natale come il dono natalizio per gli iscritti: un originale piastrella dipinta a mano raffigurante la Santa Patrona con la frase pronunciata da Papa Francesco a Caserta : «Sant’Anna, a me piace chiamarLa la Nonna di Gesù» . Un segno per ricordare nel clima natalizio il calore con cui circondare le persone anziane ed il lavoro ecclesiale fatto dai Padri Sinodali sul recente Sinodo sulla Famiglia.