Crea sito

SCUOLA. INSEGNANTI IN PIAZZA CONTRO LA POLITICA DI RENZI DELLA ‘BUONA SCUOLA’

Circa due settimane fa , il movimento degli Insegnanti diffusosi a macchia d’olio in tutto il sud Italia, fece sentire la propria voce con manifestazioni che hanno interessato molte città del meridione tra cui Napoli . Non sono mancati momenti di tensione in particolar modo nella città partenopea ove si sono registrati scontri tra manifestanti e forze dell’ordine.
Sull’argomento è intervenuto Giuseppe Raimondi, Segretario Generale Regionale del Sindacato di Polizia Coisp, il quale ha dichiarato: “ Massima vicinanza agli Insegnanti che in questo momento , a loro dire , stanno subendo ingiustizie proprio da chi dovrebbe garantire ‘legalità e trasparenza’ in ogni settore . Intendo però sottolineare, come sindacato di polizia, il nostro gesto di enorme distensione e solidarietà ma allo stesso tempo chiedo agli organizzatori di stemperare gli animi nei confronti degli appartenenti delle forze dell’ordine che saranno impiegati per tutelare la sicurezza e l’ordine pubblico di tutti. Momenti come quelli di alcune settimane fa, che hanno visto manifestanti furiosi aggredire le forze dell’ordine urlando loro frasi del tipo “Vi abbiamo formato noi” seppur da sottolineare e rimarcare in quanto danno il senso della democrazia, non possono autorizzare in alcun modo gesti di violenza o violazioni delle norme. Noi appartenenti al Comparto Sicurezza siamo sicuramente vicini agli insegnanti che in questo difficile momento storico urlano il proprio dissenso , ma in ogni caso non tollereremo in nessun modo atteggiamenti violenti, condannando anticipatamente ogni episodio grave, restando sempre a salvaguardia dei più elementari principi democratici. La politica e le Istituzioni preposte , secondo il nostro avviso, continuano a gestire la cosa con assoluta superficialità e se risultasse veritiero quanto affermano e lamentano gli insegnanti, la cosa meriterebbe una particolare attenzione anche da parte della Magistratura . Siamo tutti ex alunni di questo popolo che soffre – termina il leader regionale del Coisp – Il nostro compito è quello di garantire a tutti di poter manifestare in forma pacifica …. ed oggi cercheremo di stare anche noi accanto a loro insegnanti!”