Crea sito

I versi dei poeti casertani Dell’Omo e Di Lorenzo nella Metropolitana

(Caserta24ore) NAPOLI Lunedì 22 febbraio 2021 andrà in rotazione, sugli schermi della TV del Sistema di Metropolitana Regionale della Campania, “Winter”, della poeta Maria Pia Dell’Omo. «Il collettivo di cui sono membro, Caspar Campania Slam Poetry, propone in collaborazione con Videometrò News Network una rassegna di poesia civile in formato spot da fruire mentre si attende ai binari o si viaggia sui treni. L’iniziativa nasce per sensibilizzare su temi come la donazione di organi, i disagi psichici, le questioni di genere, ma anche la fiducia tra popoli e l’amore per il proprio patrimonio artistico-culturale. Il contesto della metropolitana rientra nella nostra ricerca di portare la poesia in luoghi non convenzionali, per stimolare la riflessione e il contatto con la propria interiorità e, di conseguenza, il senso di appartenenza alla comunità. “Winter” parla del DPTS (Disturbo Post Traumatico da Stress), una coorte di disagi a carattere psicofisico e di rilevante impatto sociale che possono manifestarsi in seguito ad abusi e traumi, sia in soggetti adulti che minori, di ambo i sessi. Spesso quando si parla in contesti non professionali del trauma (aggressione, violenza sessuale, catastrofe), ci si concentra sul momento specifico che ha segnato la vittima, trascurando le conseguenze a lungo termine e la convivenza obbligata con determinate cicatrici. La poesia conferisce il dono di dare voce all’invisibile. Di dire l’indicibile, anche se estremamente mostruoso, perché ancora più mostruosi sono la solitudine, l’ isolamento, la sensazione di non essere compresi di chi si porta dentro un dolore troppo grande». Sarà invece trasmessa nei primi giorni di marzo “Amore dopo Amore”, del poeta Antonio Di Lorenzo, una poesia sulla transculturalità e la riscoperta del proprio patrimonio locale attraverso gli occhi dell’altro. «La mia poesia ha per cornice Napoli; è il racconto di un incontro con una ragazza straniera che è venuta qui in vacanza e si è talmente innamorata della città da non essere più tornata a casa. Un giorno le chiesi perché avesse rinunciato alla sua vita e al suo lavoro per restare qui, lei mi ha preso a braccetto, mi ha portato in giro per il lungomare, via Toledo e il centro storico e mi ha detto: perché ho Napoli tutti i giorni. Da poeta viaggiatore, poi, quale posto migliore di una metropolitana per diffondere i miei versi? Come le conversazioni avute con quella ragazza, anche la mia poesia è piena di lingue e sfumature differenti, cerca di essere universale, da tutti comprensibile». Ogni videopoesia andrà in rotazione per una settimana, per un totale di circa trecento repliche per tema affrontato. Le clip sono in totale undici. Le clip, introdotte dalle musiche di Marco Sica (Channel E3) e di Marco Sica e Luigi Ferrara, sono in totale undici, come undici sono gli artisti provenienti dalla regione Campania che hanno prodotto e interpretato i testi per l’iniziativa: i sopra citati Dell’Omo e Di Lorenzo da Caserta, Alessandro Bruno, Andrea Doro e Claudio Lamberti da Salerno, Milena Di Rubbo e Alfredo Martinelli da Benevento, “Dopamina” e Massimiliano Mazzei da Napoli, Stella Iasiello e Fabio Napodano da Avellino.