Crea sito

Napoli. Parco dei Camaldoli nel degrado. “Da Regione e Comune sforzo congiunto per restituirlo ai cittadini”

(ilMezzogiorno) NAPOLçI “ Una cornice naturale mozzafiato, 130 ettari di polmone verde di cui solo tre oggi sono fruibili. Degrado, abbandono, incuria e vandalismo, queste sono le condizioni in cui versa il Parco dei Camaldoli. Un pugno nello stomaco osservare i viali oramai nascosti sotto una fitta vegetazione incolta, l’impianto di illuminazione devastato dai furti dei cavi di rame, rifiuti di ogni genere e suppellettili abbandonate dovunque, continui tentativi di piccoli e grandi abusi, roghi nel periodo estivo. A Cavallo tra gli anni ’80 e ’90 furono proprio le associazioni ambientaliste a difenderlo dalle ruspe e dal cemento. Quelli erano gli anni dell’abusivismo edilizio, ma l’impegno degli ambientalisti fu ripagato con la perimetrazione e la riqualificazione di un’area completamente restaurata, a norma e in sicurezza, dove arte e cultura animavano le serate estive di tantissimi napoletani e altrettanti turisti. E’ giunto il momento di restituirlo ai cittadini. Regione e Comune facciano uno sforzo congiunto per recuperare quest’area preziosa”. Lo ha detto Dino Di Palma, coordinatore regionale di Europa Verde. “Il Parco dei Camaldoli deve tornare a splendere, ha proseguito Di Palma, deve essere patrimonio dei napoletani. Deve poter fare sfoggio della sua bellezza. C’è un punto in cui il parco si apre sul golfo di Napoli, una veduta paradisiaca che non merita la cornice devastante che la ingloba. Basta silenzi, basta ritardi, basta dimenticanze e distrazioni. C’è molto da fare e si proceda in fretta”.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp