Crea sito

Al via l’accordo per il percorso di progettazione partecipata “Appia Felix”

(Caserta24ore) SANTA MARIA CAPUA VETERE Il lockdown non ha interotto il processo di condivisione del “Progetto strategico culturale Appia Felix”, sperimentato nell’ambito casertano con il programma MuSST#2 Musei e Sviluppo dei Sistemi Territoriali promosso dal MiBACT con la Direzione Generale Musei e la Direziona Regionale Musei Campania. Cominciano a giungere le prime sottoscrizioni all’Accordo di valorizzazione promosso dalla Direzione regionale Musei della Campania che avvierà insieme agli Enti Pubblici e al terzo settore la fase della co-progettazione e del modello di governance con la nascita di un organismo democratico e stabile nel tempo.
Il Comune di Capua, la Provincia di Caserta e il Comune di Santa Maria Capua Vetere sono stati i primi ad aderire, proseguendo un lungo cammino di condivisione e di costruzione del percorso di progettazione partecipata “Appia Felix”, primo tassello da collegare al Sistema Museale Nazionale. Marta Ragozzino, direttrice regionale Musei Campania e Ida Gennarelli, direttrice del Museo archeologico dell’antica Capua, Anfiteatro campano e Mitreo e referente del progetto, accolgono con favore questo segnale positivo. Auspichiamo che entro la prima settimana di giugno, l’accordo venga sottoscritto dagli altri Enti coinvolti per mettere a sistema le tante peculiarità presenti lungo il tratto casertano della Via Appia, la “strada maestra” che ha determinato la scelta del progetto pilota.

Un ambito preciso e circoscritto ma che si apre oltre i confini, proiettandosi verso nuovi obiettivi in un’ampia ottica di rete territoriale. Appia Felix, la strada delle condivisioni, sta già dialogando con il Sistema museale della via Appia, e con Parco archeologico dell’Appia antica.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp