Crea sito

Solidarietà in Campania per donare sanificatori per le auto delle forze dell’ordine.

(ilMezzogiorno) NAPOLI Un dispositivo in grado di sanificare in meno di 5 minuti abitacoli di autoveicoli mediante l’emissione di vapore germicida. Da un progetto di riconversione di un’azienda campana arriva un supporto per bonificare gli abitacoli dei veicoli delle forze dell’ordine, le ambulanze e i mezzi del trasporto pubblico e privato che, in meno di 48 ore, ha fatto scattare una vera e propria gara di solidarietà. Vapourel è il risultato dell’applicazione in contesti diversi di quello che era uno dei prodotti di punta di Decomedical, azienda di San Mango Piemonte specializzata nella produzione di apparecchiature professionali e medicali per l’estetica.
“L’idea di riconvertire il nostro vaporizzatore destinato fino ad oggi ai centri estetici è nata da una chiacchierata intercorsa con un amico, ufficiale delle forze dell’ordine, impegnato in queste ore in attività di controllo del territorio – rivela Lorenzo De Cola, il titolare dell’azienda campana che produce il vaporizzatore germicida”

Un consulto con il reparto tecnologico dell’azienda, che produce apparecchiature made in Italy al 100%, una piccola modifica alla strumentazione ed in pochissimi giorni Vapourel è diventato un utile e rapido supporto per consentire a esponenti delle forze dell’ordine, a personale sanitario ma anche ai gestori di servizio di trasporto pubblico e privato di intervenire in maniera efficace nella riduzione di contaminazione microbica dei piccoli ambienti indoor, come appunto gli abitacoli degli autoveicoli. “La cosa più bella ed emozionante – racconta Lorenzo De Cola, amministratore di Decomedical – è che è immediatamente scattata una bella gara di solidarietà, con tanti colleghi imprenditori che chiamano in azienda per poter acquistare e successivamente donare Vapourel. Personalmente sono contento di poter contribuire, in questo momento storico che è drammatico per tutto il Paese, mettendo a disposizione il know how della mia azienda”.