Crea sito

De Luca vieta anche le camminate nei sentieri di montagna e per motivi di salute

Frettolosa e forse fascista l'ordinanza di De Luca, il governatore della Campania che vieta senza distinzione di caminare a piedi, anche da soli, su strade di campagna e sentieri di montagna. Ordinanza fascista perche' fa di tutta un'erba un fascio l'intera regione Campania: dall'agglomerato metropolitano di Napoli ai piccoli centri di montagna sanniti e casertani. Sequestrati in casa gli amanti della natura, anche quelli solitari, i raccoglitori di asparagi. Poi non e' chiaro come un possessore di terreno, distante dalla sua abitazione possa andare a curare il suo orto. Penalizzata anche la salute delle persone che debbono svolgere attivita' fisica, come la camminata veloce per malattie come ipercolesterolemia o diabete.
Si auspicava almeno la possibilita’ di spostamenti individuali o al massimo di due persone conviventi (marito, moglie) per i motivi soprariportati. Nella giornata di sabato 14 dalla Regione e’ arrivata la precisazione che e’ vietato anche fare attività sportiva e motoria all’esterno pur rispettando la distanza di un metro. L’attività sportiva era prevista nel decreto del presidente del consiglio dell’11 marzo.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp