Crea sito

Perchè rapire una bambina di anni due ?

(Francesco Felice PREVITE – Cristiani per servire) E’ fuor di dubbio che tragedie causate dalle follie di menti psichicamente instabili succedono nel nostro Paese quasi ogni giorno ed il cittadino si chiede e domanda : perché davanti a queste, a volte pietose vicissitudini, non si prendono i dovuti Provvedimenti Legislativi ?
Da queste emergenze, ormai si tratta di vere emergenze, si rileva la necessità di vedere, rivedere e controllare se i Servizi Territoriali di Salute Mentale esistenti, siano in grado di prevedere e provvedere a buona Assistenza Psichiatrica.Il fattaccio è avvenuto a Busnago in provincia di Monza, dove, pare, che si tratta di uno squilibrato che ha cercato di rapire una bambina di due anni . Quanto è avvenuto lo lasciamo alle cronache ! Ma esistono una serie di Norme o meglio di “Progetti Obiettivi” non sempre applicati, anche perché non hanno forza di Legge, che abbiano dato una rilevanza assoluta ed indiscutibile nella indicazione di soluzioni concrete e che abbiano contribuito ad alleviare “responsabilità” alle famiglie, alla società civile, al cittadino che cerca sicurezza ?

Questa Assistenza Psichiatrica attende da ben 41 anni una Legge che si adegui alle esigenze delle conseguenze che si verificano nel sociale, nelle famiglie, nelle strade delle n/s città e nei n/s paesi, soprattutto nel nostro Sistema Sanitario . A tutt’oggi solo il Parlamento Europeo con lettera CM/412554IT doc. PE 290531 del 29.5.2000 in risposta a n/s Petizione n.146/99, ( primi in Europa e lo diciamo con orgoglio) ha preso atto della gravità del problema malattie mentali per le loro ripercussioni sociali anche in campo europeo.In Italia chiacchiere, solo chiacchiere !
La Petizione di “Cristiani per servire” inviata fin dal 4.11.2004 e negli anni successivi al Parlamento Europeo ai sensi dell’art.104, per la carenza nella Costituzione Europea di una Normativa verso la patologia mentale, è stata inoltrata in virtù del principio di sussidiarietà richiedendo una specifica Direttiva Comunitaria relativa ai portatori di handicap psichici uguale e nello stesso trattamento usato in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea, quindi un modesto “suggerimento” comunitario in salvaguardia della sicurezza di tutti i cittadini europei .
Nel Parlamento Italiano vi sono stati tentativi di affrontare l’argomento, spogliandolo da quella carica ideologica che ha varato quelle leggi 180 e 833 del 1978 per dare valide risposte alle richieste delle famiglie purtroppo caricate oltre ogni limite dell’assistenza ai familiari malati di mente. Ed alla ricerca scientifico-farmacologica, alla sicurezza dei cittadini : chi ci pensa ? Nella 15 legislatura presso la 12° Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati era in esame un Testo Unificato (Burani-Procaccini) che poteva risolvere questa “peste sociale” al quale era abbinata la n/s Petizione n.23 nella speranza di dare utili elementi di mediazione, ma questa speranza è andata delusa per la incomprensibile sparizione dall’agenda parlamentare di tutto il “problema” malattia mentale.
Lo ricorda o meno quel Presidente della Camera dei Deputati dell’epoca ? Ma perdurano misteriose divergenze che restano solo musica per le nostre orecchie, mentre i cittadini quanto devono aspettare per “vedere” risolte le esigenze che ognuno reclama ?Bisogna ricordare che nei Paesi Europei le Leggi inerenti questo Comparto Sanitario sono soggette a verifica da 3/5 anni,mentre in Italia,ripeto, sono passati 41 anni tra chiacchere inutili, progetti od esternazioni . Vi sono scambi di accuse nel mondo politico sempre e costantemente “preso” nella litigiosità senza minimamente curarsi se queste emergenze sono degne di essere chiamate tali e vergognosamente lasciate nell’angolo più buio del “buon senso”. E’ auspicabile che si concepisca e si realizzi omogeneità, mirata a concetti di solidarietà, perché il malato psichico non è solo tale, è anche cittadino e se si permette, è una cittadina italiana quella bambina di Busnago e non un amico a 4 zampe ! E con le sagge parole del Santo Giovanni Paolo II° “ Andiamo avanti con speranza !”

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp