Crea sito

Caserta. A Tuoro il Centro Polifunzionale “Silvia Ruotolo” vittima innocente della camorra

Il 24 Ottobre, con Libera e la Fondazione Silvia Ruotolo, le musiche del cantautore siciliano Libero Reina accompagneranno l’inaugurazione del Centro Polifunzionale dedicato alla memoria di Silvia Ruotolo (dettagli), scomparsa a Napoli l’11 Giugno 1997, vittima innocente della camorra.
All’evento prenderanno parte don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele; Carlo Marino, sindaco di Caserta; Luigi de Magistris, sindaco di Napoli; Antonio Borelli, questore di Caserta; Alessandro Giuliano, questore di Napoli; mons. Giovanni D’Alise, vescovo di Caserta; Alberto Maestri, colonnello del comando provinciale Carabinieri di Caserta.
Le canzoni di Libero Reina incontrano Libera in un nuovo appuntamento per una causa importante nel ricordo di una vittima innocente per mano della camorra dopo essere stato sul palco del Raduno nazionale di Libera contro le mafie il 3 Agosto a Trappeto (Palermo).
Silvia Ruotolo, 39 anni, fu assassinata l’11 giugno del 1997 a Napoli, mentre tornava nella sua casa di salita Arenella, nel quartiere Arenella, dopo essere andata a prendere a scuola il figlio Francesco, di 5 anni. A guardarla dal balcone c’era Alessandra, la figlia di 10 anni.
Il commando di camorra che sparò all’impazzata aveva come obiettivo Salvatore Raimondi, affiliato al clan Cimmino, avversario del clan Alfano. Furono sparati quaranta proiettili che, oltre a uccidere Salvatore Raimondi e ferire Luigi Filippini, raggiunsero Silvia Ruotolo – che era in strada con il figlio – alla tempia, uccidendola sul colpo. La collaborazione con la polizia di uno dei killer, Rosario Privato, risultò decisiva per l’individuazione del gruppo di fuoco.