Crea sito

Not to Racism. Una denuncia per la signora che non affitta ai “neri e meridionali”

“Sono razzista, leghista, lombarda e salvianiana… e non affitto ai meridionali. Sono come i neri e i rom”, l’audio choc fa il giro del web. Borrelli e Simioli: “Che vergogna! Purtroppo una certa politica ha sdoganato la discriminazione. Non si tratta di un caso isolato, il razzismo è un problema che affligge il Paese. Stiamo procedendo a denunciare la signora alle autorità”
“Ci siamo profondamente vergognati nell’ascoltare i messaggi audio della donna residente nel Milanese che, rifiutando di fittare un immobile ad una ragazza foggiana, le dice che la ragione è la sua provenienza geografica. La donna si definisce orgogliosamente razzista, leghista, lombarda e salviniana. Sostiene che i meridionali, ai suoi occhi, sono come i neri e i rom. Sottolinea più volte di essere sostenitrice di Salvini, che definisce ‘il suo capitano’, e invita sarcasticamente la vittima di questa vergogna a rimarcarlo nel post di denuncia. Ci vergogniamo in quanto umani perché comportamenti e mentalità del genere non dovrebbero assolutamente attenere ad una specie che vuole ritenersi evoluta”.

Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Ci siamo già attivati per denunciare la protagonista di questa vicenda alle autorità. Tale caso non è isolato. Purtroppo nel Paese persistono sacche consistenti di razzismo. Nonostante i maledestri tentativi di minimizzazione da parte di una certa politica, fortemente corresponsabile del fenomeno, la discriminazione nei confronti del diverso continua ad essere un’abitudine diffusa. In Italia c’è chi si definisce ‘orgogliosamente’ razzista paragonando i meridionali ai ‘neri’ e ai rom, come se fossero unità di misura dell’inferiorità. E c’è chi, come il direttore di “Libero” Vittorio Feltri, sottolinea che il nuovo governo è composto da troppi ‘terroni’. Dal canto nostro riteniamo non all’altezza della situazione chi, nel 2019, esprime concetti tanto assurdi”.