Crea sito

Bibbiano, un’ ulteriore dimostrazione del fallimento delle istituzioni

(IlMezzogiorno) Quello che è accaduto a Bibbiano va ben oltre lo scandalo e la vergogna, perché dimostra quando profondamente la Civiltà sia minacciata da ideologie che annientano l’umanità stessa e tentano di portarla a livelli bestiali, mostruosi. Non è solo incredibile pensare che una donna Federica Anghinolfi e i suoi complici siano riusciti a creare un sistema criminoso così ampio, ma è anche estremamente allarmante, perché il loro scopo era evidentemente di sovvertire la società, distruggendo i principi su cui la Civiltà stessa si fonda. Per l’inchiesta “Angeli e Demoni” la magistratura sta indagando 27 persone ma è ovvio che se questa feccia criminale ha operato molti anni, le persone coinvolte direttamente o indirettamente devono essere molte di più. Tra questi criminali diversi laureati, e cosa pone un’altra riflessione non solo su che cosa sforni oggi il sistema universitario ma anche sulle qualità umane e intellettuali di chi vi accede, gente evidentemente di infimo livello che poi, e questa è la cosa più grave, va addirittura a ricoprire incarichi istituzionali. Questa feccia immonda che ha creato un sistema in cui si accusavano genitori perfettamente normali di abusare i figli tramite la falsificazione di prove, come disegni che venivano modificati rendendoli pornografici, dando scariche elettriche ai bambini per fargli il lavaggio del cervello e manipolarne i ricordi, col fine primario di prenderli in affidamento, strappandoli ai genitori accusandoli di essere pedofili, per affidarli poi a coppie gay o non qualificate al fine ultimo di sottrarre fondi allo Stato e favorire i propri amici e conoscenti. I finanziamenti per ogni bambino affidato vanno da 70 a 400 Euro (ma secondo altra fonte da 200 a 400 Euro) al giorno con una spesa complessiva annua per lo Stato italiano di 4 miliardi e mezzo di Euro (12 milioni di Euro al giorno). Il sistema potrebbe non essere un caso unico, perché troppi sono i casi di cui abbiamo letto, dove bambini venivano strappati ai genitori con motivazioni questionabili e, a questo proposito, “Il Giornale” (18/07/2019) ci informa, tramite una loro inchiesta, della dimensione del “business” degli affidi: “In Italia ci sono almeno 50000 minori allontanati dalle proprie famiglie ed altri 100000 destinati ai servizi sociali. Lo stato spende per loro dai 70 ai 400 euro al giorno, con una spesa pro capite annua che arriva a 73000 euro. Un business quello delle case famiglia, che secondo alcune stime potrebbe arrivare a 6 miliardi e che viene prevalentemente gestito da cooperative del terzo settore. Intanto ogni giorno vengono scoperchiati casi di famiglie a cui sono stati sottratti i propri figli, con menzogne e false accuse di maltrattamenti.” La massima solidarietà del Partito della Alternativa Monarchica va ai Carabinieri di Reggio Emilia che si sono accorti dell’anomalia nei casi di affidamento alle vittime di questa storia, genitori che si sono visti togliere i propri figli con false accuse ma soprattutto ai bambini che, oltre ai traumi subiti, in alcuni casi hanno subito l’imposizione dell’orientamento omosessuale e a cui è stata negata la corrispondenza e i regali da parte dei genitori naturali. I bambini non si toccano!

Matteo Cornelius Sullivan, Reggente del Partito della Alternativa Monarchica
Davide Pozzi Sacchi di Santa Sofia, Addetto P.d.A.M. alle Relazioni Internazionali
Eva-Cristina Fontana Rose, Commissario P.d.A.M. per la Danimarca
Leonardo Lombardo, Commissario P.d.A.M. per il Venezuela
Valter Bevilacqua, Commissario P.d.A.M. per il Friuli Venezia Giulia
Umberto Chialastri, Commissario P.d.A.M. per il Lazio
Daniele Antonio Federico Marchesi, Segretario internazionale del P.d.A.M.
Mauro Bau. Commissario P.d.A.M. per Milano