Crea sito

Elezioni. Spagna: vincono i socialisti e l’estrema destra. La sinistra per governare dovrà allearsi con gli indipendentisti della Catalogna

Gli spagnoli hanno scelto i socialisti e punito il Partito Popolare, ovvero il Psoe del presidente uscente Pedro Sánchez. Il Partito Popolare PP, ne esce indebolito dagli scandali di corruzione e da una leadership debole.
Dove c’era blu, ora c’è il rosso: la mappa dei collegi elettorali spagnoli e dei seggi in parlamento esce completamente ribaltata dal voto. Finito il bipolarismo, come in Italia c’è da registrare anche il risultato delle altre formazioni: cresce Ciudadanos perde Podemos, penalizzato anche dal tipo di sistema elettorale. Per la prima volta nella storia della democrazia spagnolairrompe in parlamento l’estrema destra di Vox.
Gli elettori spagnoli si sono riversati in massa ai seggi, chiusi alle ore 20: l’affluenza per il rinnovo del Congresso, il Parlamento Spagnolo, è stata molto più alta rispetto alle ultime elezioni del 2016, la seconda più alta nella giovane storia democratica del Paese: 75.79% rispetto al 66.48% di tre anni fa (fonte Euronews).