Crea sito

Mariglianella La Festa del Centenario della riapertura al culto della Chiesa S. Maria della Sanità

( Antonio Castaldo) MARIGLIANELLA L’anno 2017 è carico di anniversari per la Congregazione delle Suore Domenicane; il 70° della loro presenza comunitaria a Mariglianella; è l’anno 80° della Fondazione ad opera di Padre Raimondo Sorrentino O,P., Rettore del Santuario di Madonna dell’Arco e Provinciale dei Domenicani della Provincia “Regni”; ed è il 100° anno dalla riapertura al culto della Chiesa S. Maria della Sanità. A Mariglianella, in località Taverne, per il Centenario (1917-2017) della riapertura al culto della Chiesa S. Maria della Sanità le Suore Domenicane hanno promosso una serie di incontri, testimonianze di fede e ringraziamento con l’augurio perenne che “la Madonna possa essere la guida del camminino della nostra vita” iniziata il 18 maggio con “Le origini storiche del culto a Maria SS. della Sanità” esposte da Mons. Pasquale D’Onofrio, Vicario del Vescovo di Nola, Mons. Francesco Marino, con il conclusivo saluto del Parroco dell’Insignita Chiesa S. Giovanni Evangelista, Don Ginetto De Simone, a Mariglianella.  A questa serata inaugurale erano presenti le Suore della Casa generalizia di Sant’Anastasia guidate da Madre Concetta Barone e la Comunità Parrochiale di Mariglianella.

Per il sociologo Antonio Castaldo, gratificato ex alunno dell’Asilo delle Suore Domenicane, c’è stata «una illuminante lettura storica, teologica ed estetica della sacra immagine della Madonna della Sanità, da parte di Mons. Lino D’Onofrio in questa antica chiesetta intitolata in origine al Santo Vescovo di Nola, Calionio, (Della nolana ecclesiastica storia” di G. Remondini del 1747), poi ristrutturata ed intitolata dal Venerabile Carlo Carafa (Mariglianella 1561-Napoli 8 settembre 1633) alla Madonna della Sanità, quindi donata dallo stesso ai Padri Domenicani». Nello stesso incontro c’è stato il conclusivo ascolto dell’appello del Parroco, Don Ginetto De Simone “a cercare la Salvezza, a guardare il passato per risignificare la propria vita, ma non con lo sguardo al futuro, bensì al presente. La Madonna, Lei ci riconduce al Figlio e non dobbiamo accontentarci dei vari patroni ma risalire a Dio e alla Santa Vergine”. Martedì 23 maggio c’è stata la “Proiezione Commemorativa nell’Anniversario” a cura di Padre Vincenzo Rosario Maria Avvinti O. P., Cappellano della Congregazione, da Sant’Anastasia, autore di una accurata ricerca storica. Presso la comunità domenicana mariglianellese che ha come responsabile Suor Ursula Roldan Tejada, il programma prosegue con Rosario Solenne e Santa Messa nel giorno di giovedì 1° giugno con Don Sebastiano Bonavolontà; di venerdì, 2 giugno, con Mons. Lino d’Onofrio. Sabato 3 giugno ci sarà la Processione della Madonna della Sanità e Messa Solenne presieduta dal Rev. Padre Priore Alessio Romano, con la partecipazione del Sindaco Felice Di Maiolo. Domenica 4 giugno alle ore 8,00 e alle ore 19,00 le Sante messe celebrate dal parroco Don Ginetto De Simone. Dal versante laico l’Associazione “Madonna della Sanità”, presieduta da Carmine Masullo, curerà le luminarie e le serate degli spettacoli, canoro e pirotecnico, che si concluderanno domenica notte, 4 giugno 2017.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp