Crea sito

Caserta. Landini al polo universitario spiega le ragioni del no

(Caserta24ore) CASERTA “Terra di Lavoro, Terra di Costituzione” è il titolo di un’iniziativa pubblica in programma per mercoledì 23 Novembre alle ore 9.30 presso il Polo universitario di Caserta, in via Vivaldi. L’evento, organizzato da  FIOM, FILCTEM, FILCAM E NIDIL, in vista del referendum del prossimo 4 Dicembre, – che chiamerà tutti i cittadini a pronunciarsi sulla ipotesi di riforma costituzionale proposta dal Governo – ha lo scopo di dar voce a tutti coloro che vorranno interagire, per spiegare le ragioni del NO. Interverranno all’incontro il professor Antonio D’Onofrio, Direttore del dipartimento di Matematica e Fisica, Angelo Papadimitra, Segretario Generale Filctem Caserta, Massimo Villone, Docente emerito Di Diritto Costituzionale, Vincenzo Calò Coordinatore Area Sud A.N.P.I.. A Maurizio Landini, Segretario Generale Fiom Cgil, saranno affidate le conclusioni. La scelta del NO, sostenuta dall’organizzazione sindacale a livello nazionale, nasce dalla necessità di non deformare la nostra Costituzione,  esempio di democrazia e garanzia dei diritti fondamentali del nostro Paese.  L’intento è quello di lanciare il messaggio molto chiaro, che la Costituzione non si tocca e che ci sono delle priorità nel nostro Paese , che portano il nome di Lavoro e Diritti. “Soprattutto in una provincia come quella di Caserta – ha dichiarato Elisa Laudiero – sappiamo bene che i diritti vengono negati continuamente, con la scusa della crisi e della flessibilità. È da lì che bisogna partire per cambiare le cose, non certo da quello che è stato il pilastro della democrazia e della difesa dei diritti in questo Paese. Questa riforma, così come è stata scritta,  è un’occasione persa per introdurre quei necessari cambiamenti atti a semplificare, rafforzandole, le istituzioni”.