Crea sito

La Fondazione degli scienziati italiani in Nord America, premia Ilaria Iacobucci.

(Giuseppe PACE). Il Molise, pur piccolo, è un territorio con non pochi scienziati. In America in particolare dove l’ascensore sociale e la meritocrazia sono più funzionanti che in Italia, le eccellenze culturali molisane si evidenziano meglio che non nel sistema di parentopoli molisano e meridionale in modo speciale. In Italia le baronie universitarie non sono ancora, di fatto terminate e i figli dei baroni continuano a vivere bene nel feudo accademico del padre. Per non parlare delle regioni viciniore, ancora più inficiate da fenomeni similari. A Campobasso, il 20 ottobre 2016: “Fierezza ed emozioni per la nostra giovane ricercatrice molisana, Ilaria Iacobucci, premiata in questi giorni con il “Paola Campese Awards for research in leukemias” all’Ambasciata italiana a Washington dalla Fondazione degli scienziati italiani in Nord America, Issnaf. Nel mondo accademico un riconoscimento importante che dà lustro anche al nostro Molise, dove la dottoressa Iacobucci è nata ed è cresciuta. Ilaria Iacobucci, che a 36 anni si è contraddistinta con una ricerca concentrata sulle forme meno studiate e con percentuali di sopravvivenza ridotte di leucemia, rappresenta l’eccellenza nazionale che per studio, passione e talento dà speranza all’umanità. Alla dottoressa Iacobucci le nostre congratulazioni più sincere e orgogliose. Brava Ilaria, il Molise ti ammira”. Le congratulazioni del presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, per il Paola Campese Awards assegnato alla dottoressa Ilaria Iacobucci a Washington dalla Issnaf, la Fondazione che riunisce in Nord America 4 mila scienziati italiani. Il libro Scienziati molisani, può orgogliosamente inserire una o più nuove pagina dedicate alla giovane ricercatrice molisana. La Fidapa molisana potrebbe premiarla a parte per essersi distinta tra le donne in un mondo accademico costituito ancora da uomini in stragrande maggioranza. Del Molise, tra gli altri, si segnalano i seguenti scienziati del passato: Antonio NOBILE (Campobasso1794-1863); Vincenzo TIBERIO (Campobasso1869-1915); Giovanni BOCCARDI (Castelmauro 1859-1936); Michelangelo ZICCARDI (Campobasso 1803- 1845); Giacomo DE SANCTIS ( Ferrazzano 1786- 1866); Leopoldo PILLA (Venafro 1805-1848); Giuseppe ALTOBELLO (Campobasso 1869- 1931; Anselmo DI CIO’ (Capracotta1767 – Napoli 1835); il Direttore di immunopatologia e professore di immunofarmacologia, Università del South Australia e professor di pediatria all’Università di Adelaide Antonio FERRANTE (Castellino sul Biferno), con ricerche e diverse centinaia di pubblicazioni su riviste internazionali sulle immunopatologie infantili); e poi di una schiera di docenti universitari in vari campi delle scienze: MARCO ORIUNNO di Campobasso (ingegnere nucleare al CERN di Ginevra e allo SLAC- Università di Sanford in California) – Enrico DI CERA di Campobasso (medicina, biochimica e biofisica molecolare – Washington University School- St.Louis- USA), Anna DI STEFANO di S. Giuliano di Puglia (biologia molecolare – Medicina e Chirurgia -Università di Siena – I), Renzo MAZZOCCO di Cerro al Volturno (matematica –Dip. di.Matematica -Univ. di Roma “La Sapienza”-I), Clara PICCIRILLO di Campobasso (chimica industriale – Universidade Catolica Portuguesa – Portugal), Salvatore BUONTEMPO di Bojano (fisica ed ingegneria nucleare – CERN di Ginevra –CH), Gianfranco BRUNETTI di Isernia (astrofisica – Ist. di Radioastronomia IRA-INAF.di Bologna –I), Vincenzo TESTA (astronomia – Osservatorio Astronomico di Roma -M.Porzio- I), Maria Concetta MORRONE di S. Elia a P. (fisica e biofisica – Università ”Vita e salute” -Istituto San Raffaele – Milano –I), Giorgio PITTARELLI di Campochiaro (genetica vegetale- Laboratori di Betsville – Università del Maryland –USA); Vittorio DE COSMO di Sepino (fisica e climatologia satellitare). Tra i viventi si segnalano in modo speciale per meriti: il Chimico, Domenico Chiovitti di Bojano ed operante nel campo petrolifero a Montreal in Canada e a Frosolone, Domenico Mainella, fisico ed inventore di sistemi di misura e di prevenzione dei sismi già segnalato, in questo moderno mass media, tra le eccellenze molisane per la MAE (Molisane Apparecchiature Elettroniche) di cui è ideatore e collaboratore, per un mondo sempre più globalizzato e competitivo, con i figli ingegneri.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp