Crea sito

NAPOLI. Villa Floridiana: tanto fumo ma poco arrosto

(Caserta24ore) NAPOLI Dopo la lettura delle enfatiche dichiarazioni rilasciate attraverso i mass media ho deciso di fare una passeggiata nella villa Floridiana, confidando che finalmente, dopo cinque anni di tribolazioni, fatte di chiusure, di barriere metalliche e, di conseguenza, d’impossibilità di accedere a buna parte della superficie di circa 60.0000 mq occupata dall’antico parco borbonico, finalmente avrei avuto l’opportunità di visitarlo in lungo e in largo. Invece, in pratica, ho riscontrato una situazione analoga a quella che c’era prima che l’area del museo Duca di Martina, in una a quella del Belvedere, venissero anch’esse chiuse. Tante le zone ancora inaccessibili, intercluse con le barriere metalliche e, quanto al belvedere, esso è di fatto accessibile sono per un breve tratto di poche decine di metri, risultando per il resto ancora transennato. Inoltre resta recintata anche buona parte dell’area intorno allo scalone centrale, e quella nei pressi della fontana con le tartarughe, non consentendo tra l’altro l’accesso al tempio ionico, un padiglione a pianta centrale che si trova al margine estremo dell’area posta nei pressi del belvedere.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp