Crea sito

Salone del libro di Torino. “Punti d’incontro”, la nuova collana EMP sul dialogo interreligioso

È una scommessa quanto mai “visionaria” – per usare un termine che riprende il tema conduttore del Salone 2016, intitolato appunto Visioni – quella delle Edizioni Messaggero Padova di lanciare una nuova collana sul dialogo interreligioso con testo in italiano e arabo. “Punti d’incontro”, questo il nome scelto dalla casa editrice francescana di Padova per la collana, verrà presentata ufficialmente domenica 15 maggio alle 15.30 al Salone del Libro (Spazio Autori, padiglione 2), nell’ambito di un incontro dedicato al tema della Misericordia e al primo volume della collana, Il padre misericordioso.

Interverranno suor Elena Bosetti, biblista, l’imam Yahya Pallavicini, vicepresidente del Co.Re.Is., la Comunità religiosa islamica italiana (entrambi coautori del libro insieme allo psichiatra Vittorino Andreoli e al rabbino Haim Fabrizio Cipriani), e l’ebrea Sabina Miriam Zenobi, docente di religione e allieva di Cipriani. A moderare il dibattito fra Fabio Scarsato, direttore editoriale delle Edizioni Messaggero Padova e del «Messaggero di Sant’Antonio», il mensile più diffuso in Italia (dati Ads di maggio).

Il padre misericordioso, così come gli altri titoli della collana, è un libro per vincere l’ignoranza reciproca, che è la causa principale dell’odio e dell’intolleranza, per meravigliarsi assieme della bellezza e della forza della parola di Dio, nel rispetto e nell’ascolto l’uno dell’altro, anche dei differenti approcci.

Un progetto “visionario” quello di EMP che cerca di guardare lontano, di darsi sfide che sembrano impossibili, di lavorare a progetti forti basati su una conoscenza vera, non soltanto letteraria e filosofica ma anche religiosa. «Il nostro è un tentativo di “rischiare incontri” là dove tutti o molti, da una parte e dall’altra, preferirebbero ideologicamente scontri – commenta il francescano fra Scarsato illustrando il progetto editoriale – La parola di Dio è un buon motivo, in un momento dove le parole feriscono e dividono, scagliate aggressivamente come bombe addosso a chi non è come noi, per usare parole diverse. Anzi, per “osare” parole diverse. Per questo ci è venuto in mente di progettare una collana di libri leggibili da tutti, persino da chi conosce soltanto l’arabo, e soprattutto da chiunque abbia a cuore la propria fede personale, ma ritenga che Dio è più grande anche di questa».

Ogni libro della collana, interamente bilingue, italiano e arabo, propone un brano tratto, di volta in volta, dalle Scritture sacre di ebrei o cristiani o musulmani, commentato da vari autori appartenenti a queste fedi o laici “diversamente credenti” o non credenti, che accettano di incontrarsi e confrontarsi, con coraggio, senza pregiudizi.

E la scelta della doppia lingua, adottata in fase di ideazione della collana dall’editore padovano, si rivela oggi quanto mai in linea con quella del Salone 2016 di avere come ospite la “Cultura araba”, una nuova formula che supera la logica rigidamente geopolitica del “Paese Ospite d’onore” delle passate edizioni in favore di più ampi criteri geoculturali. Anche “Punti d’incontro” vuole offrire occasioni di scambio lontane da semplificazioni e pregiudizi, dalla dicotomia “noi/loro”. Una sorta di bussola per navigare in un mondo sempre più complesso, in cui la parola di Dio viene spesso usata per costruire barriere anziché ponti.

I relatori di “La Misericordia” – Domenica 15/05/2016 ore 15.30, Spazio Autori, Salone2016

ELENA BOSETTI, religiosa, teologa biblista, già docente di ecclesiologia e di esegesi del Nuovo Testamento, si dedica al ministero della Parola e alla formazione biblica, in Italia e all’estero. Dirige con Nello Dell’Agli la Collana “Tra Bibbia e Psicologia” (Cittadella Editrice). Tra le sue pubblicazioni, Donne della Bibbia: bellezza intrighi fede passione (Cittadella, 2010), On the road. Sul cammino dell’uomo (EMP 2014, con Cesare Poppi), L’altra metà della Chiesa. Per la reciprocità donna-uomo nella Pastorale (Cittadella, 2016), Il padre misericordioso (EMP 2016).

YAHYA PALLAVICINI, vice presidente della Comunità religiosa islamica italiana, è imam della moschea Al-Wahid di Milano, Consigliere del Centro Islamico Culturale d’Italia (grande moschea di Roma) e testimone di un islam spirituale, ortodosso ed ecumenico. Ambasciatore dell’Isesco per il dialogo tra le civiltà, referente per l’islam italiano per i Ministeri dell’Interno, degli Affari Esteri e del Miur, collabora da oltre un decennio con la Presidenza della Commissione Europea ed è stato membro del Forum Cattolico-Musulmano in Vaticano (2008 e 2014).

SABINA MIRIAM ZENOBI, dopo la laurea in filosofia a indirizzo pedagogico all’Università statale di Milano e il magistero in scienze religiose all’Istituto superiore di Scienze Religiose di Milano, insegna religione all’istituto comprensivo di Rivolta d’Adda. Esperta in ermeneutica biblica ed esegesi ebraica, è allieva del rav Haim Fabrizio Cipriani, ex rabbino della comunità Lev Chadash di Milano attualmente a capo delle comunità ebraiche di Marsiglia, Montpellier e Tolosa.

FABIO SCARSATO, frate minore conventuale, francescano conventuale, già docente di teologia spirituale alla Facoltà teologica dell’Italia settentrionale e direttore del periodico «Messaggero dei Ragazzi», dal settembre 2013 è direttore editoriale del «Messaggero di sant’Antonio» e delle Edizioni Messaggero Padova. Tra le sue ultime pubblicazioni, Francesco d’Assisi e Etty Hillesum (EMP 2013), Bibbia francescana (a cura, EMP 2014) e Wanted. Esercizi spirituali francescani per ladri e briganti (EMP 2016).