Crea sito

Scuola. 500 euro per il personale docente ed educativo, il giudice del lavoro di Cassino condanna il MIUR, anche gli educatori hanno diritto alla carta elettronica per aggiornamento

(Giovanni Parisi). Il giudice del lavoro del Tribunale Civile di Cassino, con sentenza emessa l’8 aprile del 2016 ha condannato il MIUR al pagamento dei 500 euro annui ad un educatore in servizio presso un Istituto di Istruzione Superiore della provincia di Latina. L’educatore D.L. aveva presentato ricorso proposto dall’avvocato Domenico Di Tano del foro di Cassino, avverso l’esclusione del bonus annuo dei 500 euro al personale educativo.
Nel dispositivo il giudice, dopo aver dichiarato il difetto di legittimazione passiva dell’istituzione scolastica ove l’educatore presta servizio, ha accertato il diritto dell’educatore all’assegnazione della carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado (ex legge 107/2015).
Il MIUR, si legge nel dispositivo, è stato condannato nella persona del Ministro, alla corresponsione dell’importo dei 500 euro.
La sentenza arriva mentre è in fase di dibattimento e di istruttoria al Tar del Lazio la questione dell’esclusione del bonus aggiornamento al personale educativo, che concede ai docenti di ruolo la possibilità di usufruire di 500 euro all’anno da spendere per l’autoformazione.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp