Crea sito

Teano. Al Foscolo è partito un laboratorio artistico per gli alunni disabili

(Caserta24ore) TEANO Finalmente un progetto per gli alunni diversamente abili!. In un mare di progetti per gli alunni stranieri, per gli alunni meritevoli, per gli alunni più bravi e meno bravi, dai Pon ai Fesr ai tentissimi progetti extrascolastici e sportivi, all’Isiss “Foscolo” di Teano è partito un progetto per gli alunni diversamente abili. Il progetto “Fare insieme”, inserito nel Pianno Annuale dell’Inclusione scolastica (PAI), ha dato vita ad un bel Laboratorio artistico-ceativo per gli alunni speciali, in orario scolastico dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 10.30. Responsabili del progetto sono le professoresse di sostegno Rosa Corbisiero e Maria Luisa De Tommaso, che si avvalgono della collaborazione dei volontari del servizio civile del comune di Teano, mentre i destinatari sono gli alunni disabili, che in questo modo hanno la passibilità di ampliare il loro grado di autonomia personale, attraverso il potenziamento della micromotricità fine e il miglioramento delle relazioni interpersonali. Nell’ambito del progetto, oltre alle varie attività del tagliare, incollare, allacciare, abbottonare, lavarsi i denti, sono stati realizzati diversi lavori didattici come disegni murali colorati dagli allievi con gli acquerelli; disegni su cartoncino con la tecnica della stencil art; disegni ornati colorati con acquerelli e tempere, disegni tridimensionali realizzati con palline di cotone idrofilo incollate su cartoncino; bouquet di rose realizzati con la carta crespa; alberelli pasquali di carta crespa, puzzle tridimensionale raffigurante il Tirex, beauty con rete di lattice e filo. Perfino l’nsegna recante la scritta “laboratorio artistico creativo”, piccoli oggetti modellati a mano con pasta sintetica e collane di pasta dipinta con gli acquerelli. “E’ un rapporto straordinario – spiega il preside Paolo Mesolella, quello tra disabilità e attività artistica. Tocca il profondo della dimensione umana. Disorienta accorgersi che chi viene considerato “dis-abile” in realtà è non solo abile ma anche pieno di talento e capacità. Allora ogni pregiudizio deve per forza cadere e si scopre il valore della relatività. Di fronte a chi, nonostante il limite fisico e psichico, riesce ad esprimere con forza un’attività artistica e a trasmettere emozioni profonde, la maggior parte delle persone non può non riconoscere la sua incapacità di capire la realtà. E scopriamo che è proprio la diversità il vero motore di tutto, il vero cardine intorno al quale ruota tutto l’universo umano”.E’ un rapporto straordinario – spiega il preside Paolo Mesolella – quello tra disabilità ed attività aertristicaun rapporto straordinario quello tra disabilità ed attività artistiche. Va nel profondo della dimensione umana. Disorienta accorgrsi che chi viene considerato “dis-abile” in realtà è non solo abile ma anche pieno di talento e capacità. Ecco allora che ogni barriera e pregiudizio deve, per forza, cadere. Si scopre il valore della relatività. Di fronte a chi, nonostante un limite fisico o psichico, riesce ad esprimere con tanta forza una abilità artistica e a trasmettere emozioni così profonde, la maggior parte delle persone non può che riconoscere la sua “disabilità”. Si mescola tutto, allora. E scopriamo che è la diversità il vero motore, il vero cardine intorno al quale ruota tutto l’universo umano. Questa sezione è ricca di esperienze e testimonianze esemplarE’ un rapporto straordinario quello tra disabilità ed attività artistiche. Va nel profondo della dimensione umana. Disorienta accorgersi che chi viene considerato “dis-abile” in realtà è non solo abile ma anche pieno di talento e capacità. Ecco allora che ogni barriera e pregiudizio deve, per forza, cadere. Si scopre il valore della relatività. Di fronte a chi, nonostante un limite fisico o psichico, riesce ad esprimere con tanta forza una abilità artistica e a trasmettere emozioni così profonde, la maggior parte delle persone non può che riconoscere la sua “disabilità”. Si mescola tutto, allora. E scopriamo che è la diversità il vero motore, il vero cardine intorno al quale ruota tutto l’universo umano.