Crea sito

Teano. Al Foscolo l’ostensione della Sacra Sindone

(Paolo Mesolella) TEANO Per quattro giorni la riproduzione della Sacra Sindone sarà esposta nell’aula magna dell’ISISS “Foscolo” di Teano. L’ostensione parte lunedì 15 febbraio e terminerà giovedì prossimo. Un evento veramente insolito se si pensa che qualcuno vorrebbe togliere dalla scuola anche il crocifisso: la sacra Sindone, sarà esposta nella scuola dalle ore 9 alle 18.30 e potranno visitarla non solo gli alunni con i loro decenti, ma anche i genitori e altri visitatori. L’ostensione sarà aperta da un apposito convegno al quale interverranno il prof. Giovanni Liccardo, docente di Archeologia Cristiana, il prof. don Paolo Martuccelli, docente di Teologia Dommatica ed il dott. Raffaele Mazzarella, direttore del Centro Culturale San Paolo. Ma cosa ci fa la Sacra Sindone a scuola? “La risposta – spiega il preside del Foscolo prof. Paolo Mesolella – è semplice: nel mistero della Sindone c’è il fascino dell’amore di Dio Padre per noi, che ci ha donato il suo unico figlio e lo ha fatto morire in croce per noi. E’ il miracolo della vita ed è il mistero della morte e della Resurrezione, del peccato e della Redenzione. Un mistero che ci porta alla scoperta di luoghi, Paesi, popoli, religioni e vicende, perfino di guerre, che coinvolgono non solo la religione, ma anche la storia, la geografia, l’archeologia, la fotografia,il greco, il latino, le scienze, la botanica. L’evento risponde al desiderio di ricordare anche nella nostra scuola, l’anno della Misericordia”.

Teano, quindi, si prepara a ricevere tanti alunni delle scuole vicine, ma anche genitori e fedeli, che si recheranno al Foscolo, per sostare in preghiera davanti al lenzuolo che, secondo la tradizione, ha avvolto il corpo di Gesù durante la sua breve permanenza nel sepolcro, prima della Resurrezione. Non solo: affinché ci sia maggior consapevolezza del significato e del valore dell’evento, la scuola ha organizzato un apposito convegno di apertura dell’ostensione per il giorno di lunedì 15 febbraio 2016, al quale parteciperanno studenti e studiosi. “Nel corso degli anni – continua il preside Mesolella – , sono state tante le vicende e le polemiche che hanno accompagnato la sindone, soprattutto a causa della sua autenticità e datazione. Nessuno forse è mai riuscito a fornire prove definitive ed inconfutabili in un senso o nell’altro, ma le probabilità che si tratti veramente del lenzuolo che ha avvolto il corpo di Cristo sono altissime”.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp