Crea sito

Bologna. A Bologna non si può pregare in pubblico. Rinviata la 9 ore di preghiera per la Vita

(Paolo Mesolella) Questa mattina di sabato (?) 28-11-2015 dalla QUESTURA DI BOLOGNA è arrivata la comunicazione dello spostamento della 9 ore per la vita prevista per il 12 dicembre prossimo (e richiesta da sei mesi) davanti all’ospedale. E come se non bastasse sono state presentate molte difficoltà per raggiungere un accordo con gli organizzatori dell’evento PER UNA QUALSIASI ALTRA DATA : E’ proprio il caso di chiedersi: Ma a Bologna si può pregare in pubblico? Non solo: la città felsinea è l’unica in Italia in cui viene negata la possibilità di pregare all’esterno di un ospedale, come è stato ribadito stamane agli organizzatori dell’evento, e dove risulta alquanto arduo se non impossibile trovare una data in cui svolgere una 9 ore di preghiera contro la legge 194 e la legalizzazione dell’aborto volontario, a motivo di sistematiche ragioni di ordine pubblico, non certo imputabili a persone pacifiche che pregano. Ma non bisogna scoraggiarsi nel difendere i propri diritti a manifestare pacificamente le proprie idee e soprattutto dei più indifesi, come sono i nascituri. Ci ha comunicato l’Avv. Pietro Guerini – Presidente nazionale comitato no194 e dell’omonima associazione:”Vi aggiornerò sugli sviluppi a metà della prossima settimana , quando , nonostante le enormi difficoltà che ci vengano frapposte , conto di poter indicare luogo , data ed ora dell’evento , ad affermazione dei diritti tutelati dagli artt. 17,19 e 21 della costituzione”. Forza avvocato, nessuna città, nemmeno Bologna, può reprimere la nostra libertà ad esprimere il proprio pensiero, soprattutto se ci sta di mezzo la vita umana.

Manda un messaggio WhatsApp
Invia WhatsApp