Crea sito

L’esercito israeliano ha appena ucciso 60 manifestanti disarmati, ferendone 1300. Milletrecento.

( Ricken Patel – Avaaz) E lo fanno *allegramente* — come si vede in questo video. È un massacro, l’ennesimo capitolo di 50 anni di repressione brutale e razzista del popolo palestinese. Ad altri Paesi si sono imposte sanzioni per molto meno. Quelle al Sudafrica contribuirono a liberare la popolazione di colore dall’Apartheid, è tempo che il mondo si unisca nel sostenere sanzioni a Israele per liberare anche i palestinesi:
Israele si allontana sempre più dalla ragione e dalla pace verso l’estremismo. Un parlamentare è arrivato a chiedere punizioni corporali per Ahed Tamimi, la ragazza che ha schiaffeggiato un ufficiale dopo che avevano sparato in faccia a suo cugino più piccolo, e il Ministro della Difesa in persona ha minacciato di punire la sua intera famiglia! Quelli che sostengono Israele qualsiasi cosa faccia accuseranno in automatico Avaaz e i membri del nostro team (tra i quali ci sono anche ebrei) di antisemitismo. Ma il nostro team e i nostri membri amano il popolo ebraico, come amiamo ogni altro popolo. L’Olocausto è stato reale, questo popolo è stato oppresso in modo orribile per secoli e ancora oggi deve affrontare l’antisemitismo in tutto il mondo. Molti dei fondatori dello stato di Israele volevano che diventasse il faro di un mondo migliore. Ma la loro visione è stata tradita, e Israele oggi è governata da un regime brutale, razzista e repressivo, che merita la condanna del mondo. Non solo a parole, ma con le azioni: Le vite dei palestinesi contano — Sanzioni a Israele! Si è tentata praticamente ogni strada possibile, per decenni, per incoraggiare Israele a trattare meglio i palestinesi, e continuano a trattarli sempre peggio. Sanzioni mirate, per esempio sui diamanti insanguinati, un boicottaggio delle armi (Israele vende armi ad alcuni dei regimi più violenti al mondo), così come sanzioni tecnologiche o culturali (come bandire squadre israeliane dagli eventi sportivi o dal concorso di Eurovision) potrebbero finalmente influenzare i calcoli del governo.

Due dei leader più disonesti e pericolosi del mondo di oggi sono il presidente americano Donald Trump e il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Come tutti gli altri estremisti, sognano un mondo in cui persone in buona fede perdano il loro giudizio oggettivo e si schierino in due campi contrapposti, dei quali loro ne comandano uno. Dimostriamogli che non funzionerà, che i cittadini del mondo non verranno risucchiati nella loro propaganda dell’odio, e che siamo ancora in grado di vedere il razzismo e la violenza per quello che sono, e reagire. Che non possono toglierci la nostra umanità, e che non gli permetteremo di togliere ulteriore libertà e dignità al popolo palestinese. Con speranza e determinazione, Ricken, Christoph, Emma, Fadi, Pascal, Rewan, Fatima, Diego e tutto il team di Avaaz PS: Più del 75% dei membri di Avaaz ha votato a favore di questa campagna, con solo l’8% contrario. Che ci crediate o no, a riprova di quanto incredibilmente potente sia la lobby dell’estrema destra israeliana, si può essere perseguiti in molti paesi, come in alcuni degli stati USA, e in Francia, Germania e Israele, se si chiedono boicottaggi o sanzioni contro Israele, a prescindere dalle motivazioni. Sostenuti dalla stragrande maggioranza dei nostri membri, per la prima volta Avaaz rifiuterà, apertamente e con orgoglio, di obbedire a queste leggi che violano i nostri diritti umani e costituzionali alla libertà di espressione. Le sfideremo a livello legislativo e le sconfiggeremo nei tribunali.