Crea sito

Castel Volturno Paolo Miggiano presenta il suo libro su Giancarlo Siani

(Caserta24ore) CASTEL VOLTURNO – NA K14314 – Le strade della Méhari di Giancarlo Siani: a Castelvolturno Paolo Miggiano presenta il suo ultimo libro. Giancarlo Siani era un ragazzo di 26 anni. Faceva il giornalista. Lo scrive più volte, Paolo Miggiano, nel suo ultimo libro NA K14314 – Le strade della Méhari di Giancarlo Siani, che narra la storia del giovane giornalista di Torre Annunziata, ucciso trentatré anni fa sotto la propria abitazione, nel quartiere Vomero, a Napoli. Era il 23 settembre 1985. Aveva appena parcheggiato la sua Méhari; la macchina che, dal 23 settembre 2013, Paolo Miggiano ha preso in consegna, custodendola gelosamente come se fosse un essere umano e che è diventato vessillo della legalità e della libertà di stampa. Quell’automobile gli fu affidata da Paolo Siani, fratello di Giancarlo, il quale sapeva che con Paolo Miggiano sarebbe stata al sicuro e avrebbe continuato a mantenere viva la memoria di un giovane giornalista che sognava un contratto stabile nel mondo che gli era sempre piaciuto. A Giancarlo Siani sono state intitolate scuole, aule, strade ed un premio giornalistico ne tiene viva la memoria. Se fosse ancora vivo, se ancora potesse scrivere i suoi articoli, forse alle sue inchieste e al suo impegno non verrebbe dato lo stesso valore che hanno ora. Tuttavia, Giancarlo Siani è più vivo che mai. Vive in tutti i giovani che come lui hanno una passione e cercano di coltivarla, sperando diventi un lavoro. Vive in tutti i giornalisti che fanno il proprio dovere: scavare senza sosta tra le pieghe di quei fatti immersi nell’ombra. Vive in tutti coloro che amano la verità e aborriscono le menzogne. Martedì 24 luglio, alle ore 18:00, Paolo Miggiano presenterà NA K14314 – Le strade della Méhari di Giancarlo Siani, un libro che ha molto da raccontare. L’appuntamento è fissato presso il Caffè Letterario “Crazy Horse” in Castelvolturno, Fraz. Pinetamare. Con l’autore dialogheranno Pasquale Iorio e Daniele Manzo. La presentazione sarà moderata da Teresa Lanna. L’ingresso è libero, per tutti coloro che vorranno leggere una pagina della nostra storia ancora da chiarire.