Crea sito

Telese (BN). presentata la terza edizione della Borsa di Studio ‘Mario Liverini’

dav
dav
Numeri in crescita con 170 partecipanti attesi dalle diverse province della Campania. Terza edizione della Borsa di Studio ‘Mario Liverini’. Nuovo logo. Nuova sfida. Dopo l’Uovo di Colombo quest’anno è toccato alla successione di Fibonacci. Un’edizione che parte già dal successo registrato nel numero di partecipanti e proietta la Borsa di Studio in una dimensione regionale. Una sfida a colpi di logica e matematica, per aprire la mente e nutrire il cervello. Un’importante operazione culturale attenta al territorio, allo stimolo delle intelligenze e alla premiazione delle eccellenze. In campo, per il terzo anno consecutivo, l’Istituto Comprensivo Statale Telese-Solopaca e l’azienda Liverini S.p.a., con il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione.
La presentazione è avvenuta nel corso della conferenza stampa svoltasi nella sala Goccioloni delle Terme di Telese. Il benvenuto ai numerosi partecipanti con l’esibizione dell’orchestra dell’Istituto Comprensivo di Telese-Solopaca che ha eseguito alcuni brani della tradizione canora partenopea, e poi spazio al parterre dei relatori.

Scuola, impresa e istituzioni. Il Sindaco di Telese Terme Pasquale Carofano e il consigliere delegato alla cultura Giovanni Liverini, nei saluti istituzionali introduttivi, hanno entrambi evidenziato il sostegno dell’Amministrazione Comunale e la valenza dell’iniziativa per il territorio, soffermandosi sui meriti di una fruttuosa sinergia che supera le difficoltà con tenacia e impegno. A dare i numeri di questa edizione è stato il dirigente scolastico dell’istituto telesino Luigi Pisaniello, con i 45 istituti comprensivi e le 85 scuole secondarie di primo grado aderenti, per un totale di 170 partecipanti attesi alla prova del prossimo 15 marzo programmata alle ore 16,00 presso ‘Club House’ del Grand Hotel Telese. Quasi bissati i 101 dello scorso anno. Pisaniello ha ringraziato tutti coloro che collaborano all’organizzazione e realizzazione dell’appuntamento culturale, in particolare l’azienda Liverini, partner di questa iniziativa, una creatura nata da una profonda collaborazione che si rinnova di anno in anno. Un concorso in crescita e che come tale ha necessitato, come ha evidenziato in un passaggio del suo intervento il Presidente della Liverini S.p.a. Filippo Liverini, di un ambiente più ampio, per ospitare la prova. Oltre a spiegare il ‘senso’ del nuovo logo, Liverini ha evidenziato, accanto a quello culturale, l’aspetto di promozione territoriale, con l’arrivo nella cittadina termale di studenti provenienti da tutta la Campania. Significativi anche gli interventi di Rocco Gervasio (Ufficio Scolastico Regionale) e Domenica Di Sorbo, dirigente tecnico MIUR, intervenuta in sostituzione del Capo Dipartimento Istruzione Rosa De Pasquale.

Le note tecniche e l’illustrazione dello svolgimento della prova e della sua strutturazione sono toccate rispettivamente ai docenti Agata Mazzarella e Luigi Boscaino. Boscaino ha presentato il sito allestito ad hoc, per dare una dimensione ancora più dinamica all’iniziativa culturale. Anche quest’anno le prove si ispirano al binomio territorio e quotidianità. Parola d’ordine: creatività. Le prove matematiche e logiche, precedute da un’introduzione mirata a incentivare la lettura, stimolano la curiosità e invitano gli studenti ad ampliare le proprie conoscenze attraverso la somministrazione di test attenti all’aspetto naturalistico, ambientalistico e architettonico che dal Sannio si apre in una dimensione più ampia. Da non tralasciare i premi messi in palio per questa edizione: 1000 euro al primo classificato; 600 euro al secondo e 400 al terzo. A chiudere è stata invitata, a sorpresa, la giovanissima e spigliata sindaco junior Alice D’Occhio, che ha riscosso l’entusiasmo della platea per il breve intervento competente. Dopo la prova del 15 marzo, appuntamento per la cerimonia di premiazione il 6 maggio 2017, presso la sede della Mangimi Liverini S.p.a.