Crea sito

Conclusi i Festeggiamenti dell’Assunta in tutta la Provincia

Con la Santa Messa di ringraziamento offerta per tutti i defunti della comunità morronese, presieduta dal parroco Don Enzo Carnevale, e la riposizione nell’edicola della venerata statua della Madonna Assunta alle spalle dell’altare, si sono conclusi i festeggiamenti dell’edizione 2015 ieri domenica 16 agosto. Il giorno dell’Assunta al termine della processione il Vescovo di Caserta Giovanni D’Alise ha celebrato in piazza con una numerosissima presenza di fedeli.
L’ omelia del vescovo ha ruotato essenzialmente su due punti focali della vita del cristiano: la pienezza della vita, data dalla incontro con Cristo, e della quale Maria è il modello e il combattimento contro il male che il cristiano deve affrontare. Circa il primo punto, il pastore ha sottolineato fortemente che la nostra meta ultima è il Paradiso, cioè la pienezza della vita in Cristo. Amare Cristo e gli altri è la prima cosa necessaria per assaporare la gioia di Gesù già su questa terra. Maria è immagine e modello di questa patria celeste che troppe volte viene miscreduta. Venerare Maria, nel dogma dell Assunzione in Cielo significa davvero fissare lo sguardo su Cristo che è la primizia di coloro che sono morti (s.Paolo) Il combattimento contro il male è il secondo punto dell omelia. A noi il compito dato da Cristo di immetterci nella storia con fare positivo, cercando di operare il bene per il creato e per tutti gli uomini. Questo pianeta è prezioso, ha sottolineato il prelato, esortando tutti a una fattiva collaborazione per la sua difesa e la sua salvaguardia. Il vescovo ha poi ringraziato il parroco per il coraggio che dimostra nel trasformare la comunità ed aiutarla a fare una vera e autentica esperienza di Dio- Misericordia. Significativo il ringraziamento

del parroco Don Enzo Carnevale : «Grandi sono le grazie che Dio ha elargito sulla comunità quest anno. L’avvicendarsi dei sacerdoti durante il triduo e la presenza del vescovo, successore degli apostoli, ha impresso sulla comunità un significato di fraternità spirituale e di carità evangelica senza pari. La processione è stata molto pregata, sentita. È Quasi come se Maria in persona ci avesse davvero accompagnati per le strade della parrocchia. Un grazie a tutti, specialmente ai collaboratori silenziosi, coloro i quali hanno contribuito nel silenzio e nella umiltà alla buona riuscita dei festeggiamenti.» Una festa veramente da ricordare.