Crea sito

La discarica tossica più grande d’Europa si trova a Calvi Risorta

tossici(Gianluca Parisi). Il giorno in cui tutti i media, persino Euronews (nella foto) si stanno occupando della più grande discarica mai scoperta di rifiuti tossici i cittadini dell’Agro Caleno si interrogano.
Un agglomerato di meno di 20.000 abitanti è quello di Calvi Risorta, Sparanise e Pignataro Maggiore a pochi km dall’uscita A1 di Capua, tra la Casilina e l’Appia.
In questi territori ogni famiglia piange i suoi morti per tumore, sembra di essere in Palestina, la gente sente che non ha nulla da perdere, abbandonata dallo stato Italiano. Il paradosso: gli screening previsti per la Terra dei Fuochi non sono previsti in quest’area.
“Stiamo morendo tutti di tumore” è il commento che va per la maggiore quando ci si è resi conto della drammaticità e della pericolosità degli sversamenti.
Il pericolo si chiama acqua inquinata della falda che finisce nell’acquedotto, aria inquinata perchè i fusti corrosi hanno rilasciato le loro sostanze tossiche ed i fumi si alzano nel cielo disseminando nell’aria la puzza della morte.
Qualcuno commenta e dice: “Pensare che quando ero giovane andavo a caccia di quei fusti vuoti scaricati nel rio Lanzi (piccolo fiume che sfocia tra Castel Volturno e Mondragone nei pressi dell’Agnena), li usavamo per bollire i pomodori.
Sono notizie che fanno perdere la testa e così qualcun altro arrabbiato: “Quando starò per morire di tumore, non morirò da solo, tanto si sa chi sono i responsabili di tutto ciò!”