Crea sito

Cucina. Grande attesa a Formia per la cena di Natale preparata dai convittori napoletani dell’Alberghiero Celletti

Si terrà il 20, mercoledì sera il cenone di Natale organizzato dagli allievi convittori dell’istituto Alberghiero Celletti. L’appuntamento si rinnova annualmente ed è occasione per mostrare alla cittadinanza l’arte culinaria appresa a scuola. Invitati l’arcivescovo di Gaeta, il sindaco di Formia, il comandante dei Carabinieri e altre autorità. Alla cena sono attese 160 presenze, parteciperanno ovviamente professori, educatori, il personale del Celletti, famiglie degli allievi. Il dirigente dell’istituto è la prof.ssa Monica Piantadosi (nella foto), l’alberghiero di Formia è una realtà molto radicata nei territori del Basso Lazio e della Campania con allievi provenienti prevalentemente dalle provincie di Napoli e Caserta.
Sessa Danilo, Teresa Ceparano, Sabrina Festa (ricevimento) e Michele Esposito (cucina) stanno coordinando 30 allievi per organizzare dell’evento. “L’occasione – fanno sapere i convittori organizzatori – è molto sentita dai noi allievi, una sorta di prova a cui tutti tengono a far bella figura”.

Il menu prevede un aperitivo caldo e freddo, antipasto a base di pesce, due primi: uno a base di pesce (baccalà) e l’altro risotto di agrumi. Segue la spigola e per dolce cupola di meringhe con bignè con crema chantilly; infine la torta. L’aperitivo è preparato del servizio bar interno dell’alberghiero coordinato dal convittore Sessa Danilo accompagnato dall’arrangiamento musicale di Antonio Colaruotolo.
Sulla pagina facebook “convitto celletti” https://www.facebook.com/convittocelletti/ sono presenti ulteriori informazioni sul convitto e sugli eventi organizzati dai convittori. Ricordiamo che al convitto Celletti di Formia, di via Gianola possono soggiornare gli alunni dell’Alberghiero, che si trova nella stessa struttura e di tutte le scuole del comprensorio come dell’Istituto Superiore Navale di Gaeta, raggiungibili con i mezzi pubblici in 10 minuti circa. Il costo di soggiorno comprensivo del vitto, alloggio e biancheria dal lunedì al sabato e la vigilanza 24 ore su 24 di educatori professionali è, rapportato al mese, di 238 euro.