Crea sito

Agricoltura. Allarme in provincia di Caserta per cocciniglia e fumagine degli agrumi: a rischio i raccolti

Sono ormai tre anni che le colture di agrumi del casertano sono infestate da cocciniglia e fumagine, al punto di aver già compromesso i raccolti negli anni passati e addirittura, quest’anno di compromettere gli impianti.
“Nonostante i trattamenti a base di olio bianco e insetticidi – denuncia un agricoltore – il mio campo sono due anni che non dà frutti. A questo punto non mi resta che tagliare l’impianto e riconvertilo con altra coltura. D’altra parte per il futuro non posso neanche irrorare di insetticidi i frutti e poi metterli sul mercato carichi di veleno”.
Gli agrumi sono vulnerabili agli attacchi di numerose specie di Cocciniglia, parassiti appartenenti alla Famiglia dei Diaspididi e all’Ordine degli Omotteri, caratterizzati da dimensioni molto ridotte e dotati di uno scudo protettivo. Le femmine di questi insetti perforano i tessuti della pianta e si nutrono della sua linfa, bloccandone l’accrescimento e indebolendola. La cocciniglia si annida nella pagina inferiore della foglia ma può essere presente anche alla base dei piccioli e sui rami. La cocciniglia predilige climi caldi, prolifera soprattutto a seguito di inverni miti ed è spesso associata alla comparsa della fumaggine. La fumaggine è un fungo di colore nero che inibisce il passaggio della luce con conseguenti danni alla produzione e si sviluppa in presenza della melata, una sostanza zuccherina prodotta dalle cocciniglie e appetita dalle formiche che instaurano un rapporto simbiotico con queste, proteggendole da eventuali attacchi da parte di altri parassiti.

Tra i rimedi naturali c’è l’utilizzo di olio di semi (di tipo meno denso), sapone e verderame. Le proporzioni sono 2 litri di olio, 3 di acqua e due saponette a scaglie. La preparazione a caldo prevede lo scioglimento delle scaglie di sapone in acqua bollente per poi mischiare il tutto con l’olio caldo e aspettare che scenda di temperatura, prima di irrorarlo sulle foglie e sui tronchi degli agrumi infestati.