Crea sito

LA MASSONERIA MONDIALISTA VUOLE ANNIENTARE LA LEGA DI SALVINI

(Gianluca Martone) Nel corso di queste ultime settimane, si sta assistendo ad un attacco senza precedenti alla Lega di Salvini sia sotto il profilo sociale che sotto l’aspetto giudiziario. Clamorosa è stata la sentenza della Corte di Cassazione che, come ha riportato il Giornale, è stata una mossa politica, con un evidente abuso di potere da parte della Magistratura Democratica di sinistra per eliminare un pericoloso avversario, come accadde del resto già con Craxi e con Berlusconi. Oggi i giudici hanno dato il via libera ai pm di Genova per estendere la “confisca diretta” di 49 milioni di euro alla Lega anche ad eventuali fondi affluiti “in un momento successivo alla data di esecuzione del decreto di sequestro del 4 settembre 2017” sui conti e depositi riferibili alla Lega Nord. Tradotto: i soldi potranno essere cercati “ovunque e presso chiunque”. È partita così la caccia grossa ai leghisti, che crescono nei sondaggi. La sentenza ha provocato la dura reazione del ministro dell’Interno. Che dagli studi di la7, dove era ospite della trasmissione In Onda, ha detto chiaramente che quella odierna è “una sentenza politica”, fatta appositamente perché “cercano di metterci fuori legge e non ci stanno riuscendo”. Durante il lancio della trasmissione al Tg di la7, la “caccia” ai fondi della Lega è stata anche occasione per un piccolo siparietto tra Mentana e il vicepremier. “Possono sequestrarmi quello che vogliono – ha detto Salvini – Chi parla di soldi rubati viene querelato: ho tanti difetti ma non transigo sulla mia onestà. Se c’è giudice che vuole metter fuori legge un partito, auguri. Siamo sereni”. E ancora: “Se ci sono fatti di dieci anni fa si pensi a persone che c’erano dieci anni fa”. Perché non solo ora “quei soldi non ci sono”, ma il segretario del Carroccio dice che lui i 49 milioni “non li ho mai visti”. Insomma, si tratta di “un processo evidentemente politico che riguarda fatti di più di 10 anni fa su soldi che io non ho mai visto. Gli posso portare i soldi dati dai pensionati domenica a Pontida per comprare magliette e cappellini e patatine fritte”. Franco Bechis ha cosi commentato questa scandalosa vicenda giudiziaria firmata come sempre dalle tghe rosse comuniste e ideologizzate, con macroscopici abusi di potere:” Una cosa è certa: nessuno, né all’ epoca di Umberto Bossi con il suo tesoriere Francesco Belsito, né in quella successiva di Roberto Maroni o in quella ancora attuale di Matteo Salvini si è preso 49 milioni di euro dalle casse della Lega e se li è messi in tasca. Per questo è incomprensibile l’ accanimento contro la Lega da parte dei magistrati di Genova e ora pure della Corte di Cassazione che considera legittimo sequestrare qualsiasi centesimo giri da quelle parti da qui per non so quanti lustri fino a quando non si raggiungerà quella somma di 49 milioni di euro. Eppure secondo le varie sentenze emesse a Genova e Milano Belsito e la famiglia Bossi sono stati riconosciuti colpevoli di avere usato per sé e non per le finalità pubbliche circa un milione di euro proveniente dalle casse della Lega. La tesi dei magistrati è che visto quel milione (sono contestati anche altri 5 milioni investiti in Tanzania e a Cipro per il reato di riciclaggio) usato in difformità dalle prescrizioni di legge, fra l’ altro per comprare vestiti a Bossi, debbono essere ritenuti irregolari tutti i rendiconti della Lega di quegli anni, e quindi illegittimi tutti i finanziamenti ricevuti dallo Stato a rimborso delle spese elettorali. Per questo secondo loro andrebbero recuperati all’ erario circa 50 milioni di euro, e se i padri quei soldi non hanno, bisognerà che ci pensino i figli, i nipoti e magari pure i pronipoti: le colpe ricadranno biblicamente sulle spalle delle famiglie leghiste di generazione in generazione. Con questa idea biblica di giustizia ovviamente nessuno poi potrebbe mai tenere in vita la Lega nemmeno sotto mentite spoglie, perché i vari di livelli di giustizia italiana sembrano in questo momento coalizzati per fare fuori Salvini dal panorama politico. È una decisione giudiziaria senza precedenti che mette in discussione il futuro della democrazia e della politica in Italia, perché esorbita non solo dalla logica comune, ma anche da ogni pilastro dello Stato di diritto. Ad esempio mettendo sullo stesso piano ciò che proviene da finanziamenti privati e da finanziamenti pubblici alla Lega. Non voglio tediare con riferimenti giuridici che pure hanno un loro peso, ma provo con qualche esempio concreto: se io oggi volessi donare alla Lega mille euro miei, questi verrebbero sequestrati dai magistrati non si capisce bene a quale titolo. E a chi oggi storce il naso anche all’ interno dei militanti del Movimento 5 stelle, imbarazzato per l’ alleanza con un Salvini inseguito da pm e giudici, offro un altro esempio per capirsi: non è vero che il movimento fondato da Beppe Grillo non ha mai ricevuto un euro di finanziamento pubblico, perché ha incassato e incasserà ancora milioni di soldi pubblici attraverso i propri gruppi parlamentari e i gruppi costituiti nei consigli regionali. Con quei soldi hanno pagato iniziative politiche anche sul territorio e ad esempio tutto lo staff di comunicazione che in gran parte proveniva dalla Casaleggio e che ha svolto la sua attività ben oltre le quattro mura delle Camere.

Tutto consentito dalla normativa esistente, intendiamoci. Ma metti caso che anche da quelle parti ci fosse stato un piccolo Belsito, che quei soldi avesse poco alla volta utilizzato a beneficio del tutto personale. Magari qualche decina di migliaia di euro o poco più. Bene secondo la logica dei magistrati che sono a caccia di Salvini in quel caso il M5s avrebbe dovuto restituire tutti i finanziamenti pubblici ai gruppi consiliari, restituendo milioni di euro. E oggi qualsiasi loro finanziamento all’ associazione Rousseau verrebbe sequestrato fino a concorrenza della cifra dovuta. Esattamente quello che sta accadendo con la Lega. Quindi questa enormità giudiziaria è un tema che riguarda non Salvini e la Lega, ma tutta la politica e indirettamente tutti i cittadini, perché d’ ora in avanti qualsiasi magistrato potrà cancellare dalla competizione elettorale il partito o movimento che gli è venuto a noia. C’ è un modo per sfuggire a questo? Ce ne sono in teoria mille: ad esempio fare transitare eventuali donazioni verso altri soggetti giuridici sulla carta non aggredibili dai magistrati (è quel che sta facendo Salvini con le fondazioni e le associazioni territoriali indipendenti), o magari aprendo conti-sottoscrizione nelle banche di Camera e Senato con causali di volta in volta legati a singole iniziative politiche. Ma davanti all’ arbitrarietà giudiziaria non c’ è difesa possibile: fanno quello che vogliono comunque. Anche l’ appiglio giuridico è assai flebile, e lo dimostra chiaramente quel che al contrario è avvenuto fra Luigi Lusi, ex tesoriere della Margherita, e i vertici del partito dell’ epoca, guidato da Francesco Rutelli. Lì per l’ appropriazione indebita è stato perseguito il tesoriere, accusato alla fine di avere sottratto al partito 24 milioni di euro. E i giudici non solo non hanno ritenuto correo il partito stesso, ma hanno con decisione di Cassazione fatto restituire il maltolto alla Margherita, e non all’ erario. La legge attuale consente di sequestrare per irregolarità gravi al massimo un terzo dei soli fondi provenienti dal 2 per mille Irpef destinati al partito. Ma le irregolarità non sono sindacabili dalla magistratura: debbono essere contestate da una apposita commissione consultiva di revisori delle Camere. Prima di questa legge ce ne era una del governo di Mario Monti, in vigore fra il luglio 2012 e il dicembre 2013: questa in caso di irregolarità gravi di bilancio consentiva la sospensione dell’ intera rata del rimborso. Ma anche qui erano i revisori delle Camere a dovere trovare l’ irregolarità e segnalarla e la sospensione della rata doveva essere disposta dai presidenti delle Camere. L’ avessero fatto, alla Lega non sarebbe stata erogata la rata prevista per quell’ anno: 1,6 milioni di euro. In ogni caso quella sanzione è stata abrogata e quindi non esiste più nell’ ordinamento italiano. In precedenza (legge 1999) solo i presidenti delle Camere potevano contestare irregolarità di bilancio ai partiti (sempre per motivi formali) e sospendere l’ erogazione del rimborso fino a quando non fosse stata regolarizzata la mancanza. Sospendere, non revocare. Su queste basi davvero quella dei giudici alla Lega è solo una caccia all’ uomo. A Salvini e a questo punto anche al governo di cui fa parte”.
Per quale motivo la magistratura si è cosi accanita verso la Lega? Per rispondere a questo importante quesito, occorre far riferimento alle interessanti riflessioni fatte alcuni mesi fa dalla giornalista Floriana Castro, che pubblico integralmente, sottolineando nel contempo che il neo Ministro degli Interni Matteo Salvini si sta impegnando in modo incisivo per bloccare gli sbarchi di immigrati clandestini in Italia:” Un biglietto aereo dalla Nigeria a Palermo costa dai 400 ai 450 Euro. Se gli immigrati possedessero cifre dai 5 ai 10 mila euro a testa (prezzo che pagano ad uno scafista islamico) non li userebbero certo per rischiare la vita, anzi non emigrerebbero neppure! Chi paga queste cifre non sono gli immigrati.
Osservando da vicino queste ondate migratorie si nota subito che sono composte per l’80 % da giovani uomini musulmani in forma di un’età tra 17-25 anni; vestiti all’ultima moda, con cuffie alle orecchie e smartphone di ultima generazione, che fanno l’occhiolino alle donne, che non parlano italiano a parte ”ciao bella”. Li vedi andare in giro con aria baldanzosa: nei giardini pubblici, per le vie della statale, in tabaccheria a comprare stecche di sigarette o a giocare i numeri al lotto e di giorno e di notte a bivaccare per le vie della città. Ovviamente non nego che siano sbarcate pure famiglie fuggite da guerre o persecuzioni e che magari avrebbero pure il diritto ad un asilo politico, ma si tratta di una assai esigua minoranza. Questa ”immigrazione” alla quale assistiamo è un fenomeno creato di proposito ai tavoli del potere, non si tratta di un fenomeno spontaneo; ciò che si vorrebbe far apparire come un frutto ineluttabile della storia è in realtà un piano studiato a tavolino e finanziato dagli ignari contribuenti occidentali, preparato da decenni per distruggere completamente il volto del Vecchio continente . E’ un fenomeno le cui cause sono tutt’oggi abilmente celate dal Sistema. Chi fa propaganda multietnica si sforza falsamente di rappresentare il fenomeno come inevitabile. La crescita demografica dei popoli europei è pari a solo 1.4. Storicamente nessuna cultura con un tasso di natalità pari a 1.9 è mai riuscita a riprendersi. Mentre una popolazione diminuisce sempre più allo stesso modo va svanendo una cultura. La storia della statistica ci dice che ormai e’ impossibile recuperare la situazione, è solo questione di anni e l’Europa così come la conosciamo adesso non esisterà più. Tuttavia la popolazione in Europa non è in declino, come mai? IMMIGRAZIONE soprattutto islamica. La crescita demografica islamica in Europa è pari a 8.1, quindi 7 volte superiore! E come mai i migranti islamici (clandestini e presunti profughi) non si dirigono o non vengono indirizzati verso le ricche nazioni di fede islamica come Arabia saudita ed Emirati arabi? L’incitamento all’immigrazione di massa (anche se in questo caso si dovrebbe parlare di invasione) è anche alla base dei costanti inviti dell’ONU ad accogliere milioni di immigrati per compensare la bassa natalità europea (Ma perche? Solo i musulmani sanno fare figli?). Non è attraverso l’apporto di un patrimonio genetico diverso che si protegge il patrimonio genetico europeo, ma che così facendo se ne accelera la scomparsa. È certo infatti che la bassa natalità europea di per sé potrebbe essere facilmente invertita con idonei provvedimenti di sostegno alle famiglie (un pò come sta cercando di fare Putin in Russia ad esempio) oppure creando condizioni più favorevoli per i giovani per poter loro permettere di formare una famiglia, anziché spingerli a stili di vita materialisti, frivoli e privi di qualsiasi morale; oppure sostenendo le giovani coppie o le famiglie numerose. Poi ho anche un atroce sospetto: perché i casi di sterilità fra gli europei – anche fra giovani di 20 anni – sono sempre misteriosamente più numerosi?! – L’unico scopo delle misure che hanno messo in atto è quello di snaturare completamente un popolo, trasformarlo in un insieme di individui senza più alcuna coesione etnica, storica e culturale. Sotto la duplice spinta della disinformazione e del buonista rimbecillimento umanitario operato dai mezzi di comunicazione, traviamento e disinformazione di massa si è insegnato agli europei a rinnegare le proprie origini, la propria cultura e soprattutto il proprio Credo. L’immigrazione clandestina di massa e la jihad sono la chiave delle élite massoniche europee – statunitensi per poter stabilire il loro tanto studiato ”nuovo ordine mondiale”. Esso prevede : UNIFORMAZIONE DELLE ETNIE, ANNULLAMENTO DI TUTTE LE DIFFERENZE SOCIALI, CULTURALI (Piano Kalergi), SESSUALI, UN UNICO GOVERNO MONDIALE, UN UNICO POPOLO METICCIO, UN’UNICA FALSA RELIGIONE, UN’UNICA VALUTA (ANZI MICROCHIP SOTTOCUTANEO da spegnere al primo pensiero non conforme!). Se ci fate caso tutto quello per la quale si battono i governi burattini, informazione, istruzione e purtroppo anche alcune lobbies corrotte della Chiesa ecc. sarà il mondo stesso che lo chiederà a gran voce perché altrimenti tutto sarebbe travolto dal disordine e dal chaos! (Piano Dullas ). Fate attenzione perché il modello ”mondialista-massonico” che ha in mente l’asse USA-UE non è meno spregevole di quello islamico! E noi? …noi continuiamo a fregarcene di tutto o a credere alle cosiddette ”verità ufficiali” che ci passano i media buonisti e menzogneri, temendo di apparire razzisti e quindi politicamente scorretti, a vivere con frivolezza e a scazzottarci negli stadi. Quale futuro per i nostri figli? Se l’Europa vorrà sopravvivere dovrà prendere coscienza di questa realtà; dovrà ritornare alle proprie origini e alla propria fede. L’Europa apostata ha rinunciato alla propria civiltà, ha rinunciato alla propria identità, ha rinunciato a Gesù Cristo e alla propria cultura. L’unica via da seguire è la strada che la Madonna già nel 1917 ci ha tracciato, ovvero: conversione vera e sincera, conversione di massa , ritorno alla preghiera, ritorno ai Sacramenti, ricordiamoci quello che disse San Giovanni Bosco: ”Se Dio è con noi siamo la maggioranza”!