Crea sito

Napoli. STORIE DI ORFANI, MONACHE E PECCATI

(ilMezzogiorno) NAPOLI sabato 14 Gennaio 2017 – h 10.30 STORIE DI ORFANI, MONACHE E PECCATI: visita alla ruota degli esposi con la mostra “Storie di bambini” e alla chiesa di Santa Maria Egiziaca a Forcella. L’itinerario svelerà ai partecipanti l’antica bellezza del Complesso monumentale dell’Annunziata costituito, in origine, da un ospedale, un convento, un ospizio per i trovatelli ed un “conservatorio” per le ragazze povere e prive di famiglia. Una istituzione dedicata alla cura dell’infanzia abbandonata che fu patrocinata dalla Congregazione della Santissima Annunziata, fondata nel 1318.  Racconti di fondazioni , ricostruzioni, incendi e un imponente lavoro ristrutturazione affidato a Luigi Vanvitelli, che ne seppe riutilizzare magistralmente gli ambienti cinquecenteschi incorporandoli nell’attuale struttura.  Dell’antico Complesso si visiterà la Ruota degli esposti, ambiente altamente evocativo. Qui si scoprirà la storia della famosa struttura lignea che permetteva alle madri che non potevano permettersi di tenere i propri bambini, spesso illegittimi, di affidarli anonimamente alle cure della Santa Casa e raccolti all’interno da balie pronte ad intervenire ad ogni chiamata. Gli ospiti dell’istituzione venivano chiamati “figli della Madonna”, “figli d’a Nunziata” o “esposti” e raccontano storie dolorose e intense avvolte da un triste fascino. A corredo della visita vedremo anche la mostra itinerante e internazionale “Storie di bambini” che comprende circa 210 disegni originali dell’artista Letizia Galli tratti dai vari personaggi dei suoi libri per bambini. Il percorso prosegue con la visita alla Chiesa di Santa Maria Egiziaca all’Olmo un monumentale esempio di barocco napoletano con marmi policromi e importanti decorazioni ornamentali ad intagli dorati. L’edificio con annesso monastero fu fondato nel 1342 grazie al volere della regina Sancha d’Aragona, che volle una struttura che accogliesse le prostitute pentite. Il complesso ha subito molteplici rifacimenti nel corso dei secoli, e ospita opere di pregio come l’altare maggiore di Gennaro Ragozzino una tela di Andrea Vaccaro dal titolo “La comunione di Santa Maria Egiziaca” oltre che “La Conversione” e “La fuga della Santa dall’Egitto”, entrambi dipinti di Luca Giordano.