Crea sito

Napoli. I Verdi chiedono l’arresto per i parcheggiatori abusivi

(Caserta24ore) NAPOLI Parcheggiatori abusivi, petizione per chiederne l’arresto. Verdi: fenomeno ormai incontrollabile, si cambi la legge e sbattiamoli in galera. Il testo della petizione sulla pagina Facebook ‘Io odio i parcheggiatori abusivi’. Le firme raccolte nei luoghi dell’illegalità “Chiediamo l’arresto da sei mesi a un anno per i parcheggiatori abusivi in caso di reiterazione del reato e l’inasprimento dei controlli e delle sanzioni amministrative. Con un emendamento all’articolo 7, comma 15-bis, del decreto legislativo n.285 del 30
aprile 1992 chiediamo che la norma sia modificata come segue: ‘coloro che esercitano abusivamente, anche avvalendosi di altre persone, ovvero determinano altri ad esercitare abusivamente l’attività di parcheggiatore o guardiamacchine sono puniti con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 771 ad euro 3.101. Se nell’attività sono impiegati minori, o nei casi di reiterazione, la sanzione amministrativa pecuniaria è aumentata del doppio. In casi di reiterate violazioni di cui al primo ed al secondo periodo del presente comma è disposto l’arresto in flagranza di reato e la reclusione da uno a tre anni. Si applica, in ogni caso, la sanzione accessoria della confisca delle somme percepite, secondo le modalità indicate dal Capo I, Sezione II, del Titolo VI’. Il testo della petizione è consultabile sulla pagina Facebook ‘Io odio i parcheggiatori abusivi’. Solo con una forte risposta delle istituzioni si riuscirà a fronteggiare un fenomeno ormai fuori controllo in città. Cambiamo la legge e sbattiamoli in galera”. Lo hanno dichiarato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e quello comunale del Sole che ride Marco Gaudini promotori con il conduttore radiofonico Gianni Simioli della pagina fb Io odio i parcheggiatori abusivi. Stamattina sono state raccolte le prime firme. Nei prossimi giorni saranno fatti banchetti nei luoghi dell’illegalità dove agiscono i parcheggiatori abusivi.