Crea sito

Calvi Risorta. La festa del santo Patrono dal 4 all’ 8 agosto con notizie inedite di San Nicandro

Grazie ad un viaggio a Creta dell’autore del testo che segue, è stato possibile acquisire nella cattedrale ortodossa di San Tito a Heraklion (attuale capoluogo dell’isola) alcune notizie inedite e conferme sulla vita di San Nicandro, santo patrono di Petrulo di Calvi Risorta in provincia di Caserta.
La festa del santo si terrà quest’anno da venerdì 4 a martedì 8 agosto 2017 con la presenza di 7 donne su 15 persone nel comitato organizzatore. Il concertino finale vedrà l’esibizione di Dodi Battaglia cantante dei Pooh, ora solista. Di seguito alcune notizie storiche su San Nicandro Vescovo e Martire. Foto, in ordine San Nicandro nella raffigurazione classica latina, San Giorgio nella raffigurazione orientale e San Tito dipinto della chiesa di Maila a Creta. La foto di copertina è un particolare interno della chiesa cattedrale ortodossa di San Tito.

(Gianluca Parisi). San Nicandro nacque a Cania antica capitale di Creta intorno agli anni 25 d.C. Da giovanissimo apprese la notizia della passione e resurrezione di Gesù Cristo e del suo predicare. Aderì al Cristianesimo e da san Tito (quest’ultimo in contatto diretto con San Paolo) fu nominato sacerdote nella citta di Agios Nikolaos nella parte orientale dell’isola. Per il suo zelo nel convertire gli abitanti alla fede cristiana fu successivamente nominato vescovo intorno agli anni 50 d.C. Il periodo storico di riferimento è il 45-53, anni in cui San Paolo si recò diverse volte a Creta. San Nicandro fu inviato nell’odierna Turchia come primo vescovo di Myra.
Alla morte di San Tito continuò la sua opera in Licia, la cui comunità cristiana crebbe a tal punto da preoccupare i Romani, che consideravano i cristiani dei sovversivi. Così al governatore Libanio, attraverso Lucio Domizio Apollinare, arrivò l’ordine di uccidere Sam Nicandro per dare un esempio e monito alla parte della popolazione che intendesse abbracciare la dottrina cristiana.
Insieme a San Nicandro fu ucciso anche l’anziano sacerdote Ermeo: entrambi furono legati a dei cavalli lanciati al galoppo e trascinati fin quando ebbero la pelle strappata e la terra bagnata col sangue delle loro ferite. Furono poi appesi e colpiti con una tavola di legno e torturati prima col fuoco, poi con dei chiodi piantati in petto e nel corpo. Furono poi gettati in un sepolcro, seppelliti ancora vivi.
In provincia di Caserta nell’attuale Calvi Risorta, intorno al 1100 d.C., si costruì la borgata di Petrulo, dove esisteva una piccola comunità di monaci basiliani provenienti dall’Oriente, probabilmente in fuga sin dall’VIII secolo dalla persecuzione iconoclasta. A Petrulo tutt’oggi esiste un piccolo quartiere denominato Giudea o Iurea (attuale via Nicandro Zitiello, Martini). In questa zona i monaci avevano rafforzato il culto per San Nicandro. L’integrazione della comunità di monaci con gli abitanti del posto portò alla realizzazione della chiesa antica di S. Nicandro datata 1.106.
I due martiri di Licia alla fine del 1500 furono beatificati e santificati al 4 novembre, da Papa Clemente VIII che aveva avviato una politica di riavvicinamento con le altre chiese cristiane. In particolare proprio coi monaci di rito bizantino basiliani che avevano portato notizie e reliquie di martiri (tra cui San Nicandro ed Ermeo) nell’Italia Meridionale.
Nel 1914 le reliquie di San Nicandro furono portate a Petrulo di Calvi Risorta dove il Santo patrono è venerato il 4 novembre e la prima domenica di agosto o la seconda, se da calendario è a una sola cifra.
Il nome Nicandro è poco diffuso in Italia: è associato ad altri santi a Venafro provincia di Isernia, a San Nicandro Garganico in Puglia, a Tremensuoli frazione di Minturno e a Ravenna e L’Aquila dove sorgono chiese dedicate. In Grecia il culto del santo non è venerato ed il nome Nikandros è in disuso.