Crea sito

CAIAZZO, PUGNO DI FERRO PER CHI ABBANDONA RIFIUTI

(Caserta24ore) CAIAZZO – Stop all’abbandono incontrollato e indiscriminato di rifiuti, in arrivo le foto-trappole. A stabilirlo l’ordinanza n. 56 firmata dal sindaco di Caiazzo Stefano Giaquinto insieme al Comandante della Polizia Municipale Francesco Perillo e al Responsabile del settore Ambiente Gaetano Chichierchia. Un provvedimento il cui obiettivo è quello di migliorare il decoro urbano in termini di efficienza e il recupero la gestione dei rifiuti urbani e assimilati, contrastare e prevenire il deposito selvaggio di sacchetti sul suolo pubblico soprattutto in prossimità di abitazioni private, esercizi commerciali, alimentari e non, esercizi pubblici, bar, ristoranti, pizzerie, aree mercato. Eccessivi costi di bonifica, il pessimo bigliettino da visita per i visitatori e i relativi danni ambientali hanno spinto dunque l’Amministrazione Comunale a scendere in campo e a non ammettere alibi. Gli incivili saranno immortalati da sistemi di video controlli senza l’utilizzo di cartelli informativi, foto trappole il cui monitoraggio è gestito dall’ufficio dei Vigili Urbani, nell’esercizio delle attività demandate alla polizia giudiziaria. “I caschetti bianchi stati incaricati infatti – si legge nell’ordinanza – al controllo relativo all’esecuzione ed al rispetto della disposizione”. “Una stretta decisiva – commenta il primo cittadino Giaquinto – per eliminare l’abitudine pessima e incivile dell’abbandono dei rifiuti in strada da parte dei cittadini e soprattutto di trasgressori di passaggio, essi infatti non curanti dell’ambiente e delle buone norme urbane depositano rifiuti ai bordi delle strade e nelle nostre frazioni. Non promettiamo sconti, non ce ne saranno per nessuno. Un territorio incontaminato e immerso nel verde come il nostro merita attenzione e rispetto e non di essere la pattumiera di residenti o passanti pigri e scostumati”. Posizione condivisa anche dal consigliere delegato all’Ecologia e all’Ambiente Antonio Accurso. Le violazioni comportano per i privati l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria che va da un minimo di 300 euro ad un massimo di 3mila euro, per gli operatori commerciali è prevista invece la sospensione dell’attività. Se i rifiuti sono pericolosi la sanzione amministrativa aumenta fino al doppio.