Crea sito

Cicloturistica Festina Lente: Centofanti e Diezzo vincono la Cronoscalata

Ernesto Centofanti (1)CALVI RISORTA (Ce) – La seconda edizione della Cronoscalata Calvi Risorta Rocchetta e Croce località Santella, incorona re dei camosci, il pugliese Ernesto Centofanti (IR Cycling Borgo Antico Evolution bike by Giannini) che precede un altro ciclista pugliese, quell’Andrea Tritto (Airone Leo Constructions) che si è recentemente aggiudicato la Cronoscalata del Monterbano. Sul terzo gradino del prestigioso podio caleno il vincitore della prima edizione della cronoscalata Raffaele Cinque (Team Ciclismo Sorrentino). Mentre Stefano Fatone (The Panthers), già vincitore della prima prova del Master Scalatore Scudetto Campano 2015 a Oliveto Citra, uno dei ciclisti che godeva del favore del pronostico, ha chiuso al quarto posto. Una cronoscalata grandi firme quella andata in scena questa mattina nell’antica Cales.154 ciclisti al via. Sono stati 118 i ciclisti che si sono sfidati lungo i 10,600 chilometri dell’ascesa che da Calvi Risorta conduce all’abitato di Rocchetta e Croce e all’arrivo di località Santella. Prima dei partecipanti all’evento agonistico 36 cicloturisti hanno preso il via alla francese per affrontare i due splendidi percorsi cicloturistici, il corto 62 chilometri e il lungo di 110 chilometri e dare vita alla prima edizione della Cicloturistica Festina Lente. “Possiamo ritenerci ampiamente soddisfatti della riuscita della Cicloturistica Festina Lente che quest’anno abbiamo voluto abbinare alla Cronoscalata Calvi Risorta Rocchetta e Croce. Avevamo stilato un programma ambizioso – afferma Giuseppe Gallina vice presidente della società organizzatrice- per la stagione 2015 e devo dire che siamo riusciti a portarlo a compimento nel migliore dei modi. Dobbiamo indubbiamente migliorare in alcuni aspetti organizzativi, ma i complimenti ricevuti dai cicloturisti che hanno apprezzato i percorsi proposti ci spingono a iniziare, già da subito, a programmare la prossima edizione dell’evento. Il nostro obiettivo primario resta la promozione del territorio attraverso il ciclismo. La promozione di un ambiente che ha molto da offrire sotto l’aspetto paesaggistico, ma spesso, visto anche lo scarso tessuto industriale, non offre le risorse utili a sostenere questo tipo di manifestazioni. Voglio ringraziare le associazioni che hanno collaborato alla realizzazione della manifestazione, dei ristori e gli esercizi commerciali che ci hanno permesso di effettuare la premiazione. Evolution bike by Giannini, Legea, Giaccio Frutta, Russo Center, Noviello Sport, Supermercato Conad e Decò”.L’incendio scoppiato, Sabato pomeriggio, lungo un pendio della collina dinanzi all’area San Nicola, location della manifestazione, annunciava una domenica rovente per gli appassionati delle due ruote che hanno scelto Calvi Risorta per dar sfogo alla propria passione, quella per lo sport delle due ruote. La Cronoscalata Calvi Risorta Rocchetta e Croce è valida quale settima prova del circuito Scudetto Campano e seconda prova Master Scalatore dello stesso circuito e assegna 150 punti partecipazione validi per la classifica generale della challenge campana voluta da Francesco Aliperta, Aldo Lombardi e Antonio Solimeno. I ciclisti che parteciperanno a tutte e tre le prove Master Scalatore, la prima si è tenuta a Oliveto Citra lo scorso 16 Maggio, Calvi Risorta e la chiusura del 26 Luglio a Montella (Avellino) con la Cronoscalata del Santissimo Salvatore, riceveranno un bonus partecipazione finale di 150 punti.

Dalla pedana dell’area San Nicola i partecipanti prendono il via ogni 30”. Le partenze si susseguono mentre il ciclista pugliese Ernesto Centofanti, che gode del favore del pronostico per la conquista del successo finale insieme a Tritto, Fatone e Cinque, fora la ruota posteriore. Non avrebbe potuto prendere il via, se uno dei partecipanti non avesse prestato la sua ruota al portacolori della IR Cycling Borgo Antico Evolution Bike. “Da diverso tempo mi ero iscritto a questa manifestazione ed ero intenzionato a svolgere il ruolo di protagonista, un’ora prima del via, mentre mi stavo riscaldando mi accorgo che la ruota posteriore è forata. Chiedo ai ciclisti delle altre società se qualcuno di loro può prestarmi una ruote e fortunatamente uno di loro da vero sportivo si offre di passarmi la sua ruota. Devo questo successo anche a lui, inoltre la manifestazione si svolge nella provincia in cui ha sede uno dei nostri maggiori sostenitori, la Evolution Bike di Massimo Giannini e ci tenevo a vincere per dedicare anche a lui il successo. Il caldo si è fatto sentire, comunque è stato un bel duello tra due ciclisti pugliesi, io e Tritto, che mi aveva battuto alla Cronoscalata del Monterbano e oggi sono riuscito a precedere sul traguardo di soli 11”. Un altro importante successo che si aggiunge al tricolore della Montagna Csain e la Mediofondo Maratona del Matesannio”. Tra le ragazze successo di Rossella Diezzo (Rokka Bike Mangimi Liverini) che precede la sua compagna di squadra Maria Grazia D’Anna. Soddisfatto al termine della manifestazione Piero Giani, presidente del comitato provinciale Uisp di Caserta: “La Uisp, Unione Italiana Sport per Tutti, è notoriamente vicina a quanti svolgono attività ciclistica e in particolar modo quella promozionale. I dirigenti della società Veloclub Ventocontrario, hanno organizzato un bellissimo evento che apre le porte al ciclismo senza tempo, ottimo volano per la promozione del territorio. Li ringrazio per la loro opera, svolta sotto l’egida del nostro ente, sperando che già nella prossima stagione questo tipo di eventi si moltiplichi nella nostra provincia”.
La ricca premiazione finale alla presenza di Nicola Cipro vice sindaco di Calvi Risorta e il sontuoso pasta party finale, a cui hanno avuto accesso tutti, ciclisti, dirigenti, accompagnatori, aperto da un’invitante pasta e ceci, mozzarella di bufala e prosciutto, dolce ed acqua hanno contribuito a lenire le fatiche di una splendida mattinata di sport, che almeno per diverse ore ha fatto dimenticare le violenze che questa incantevole terra ha subito, di cui giustamente si parla perché fa notizia, ma andrebbe anche sottolineata l’opera di chi sta lavorando per farla conoscere e godere appieno, senza chiedere nulla.