Crea sito

“Silenzio della giunta De Luca sul dramma dei 150 lavoratori Carrefour di Casoria”

(ilMezzogiorno) CASORIA (Na) Il consigliere regionale M5S: “Bisogna intervenire subito per garantire la proroga degli ammortizzatori sociali scaduti o in scadenza e per istituire un tavolo di concertazione al fine di pianificare con la nuova proprietà la ripresa occupazionale”.“Oltre 150 lavoratori resteranno senza alcuna fonte di reddito entro il prossimo 31 dicembre. Un dramma, quello degli operatori dell’ex sito Carrefour di Casoria, che si sta consumando nel totale disinteresse della maggioranza”. E’ l’allarme lanciato dal consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Gennaro Saiello che da mesi segue la vertenza. “Da oltre un mese abbiamo depositato una richiesta di audizione in commissione lavoro per avviare un tavolo di concertazione tra le parti, siamo però ancora in attesa della calendarizzazione. Nel contempo durante le ultime due sedute del consiglio regionale abbiamo presentato un ordine del giorno finalizzato ad impegnare la giunta ad attivarsi celermente su due fronti, predisporre una proroga degli ammortizzatori sociali scaduti o in scadenza e contestualmente istituire un tavolo con le parti coinvolte al fine di salvaguardare la posizione dei lavoratori. Purtroppo però non c’è stata data la possibilità di avviare in aula questa importante discussione perché il Pd e gli altri partiti in entrambe le occasioni hanno categoricamente impedito la presentazione del nostro ordine del giorno. Nell’ultimo consiglio per esempio, al fine di far decadere anticipatamente i lavori dell’assemblea, emblematico è stato il richiamo alla verifica del numero legale da parte del capogruppo del partito di maggioranza. Continueremo a portare la voce di questi lavoratori sui tavoli istituzionali affinché possano essere valutate tutte le possibili soluzioni per garantire i livelli occupazionali, augurandoci di non scontrarci ancora con le strategie ostruzionistiche di una maggioranza di centro sinistra che ha completamente dimenticato che è in gioco il futuro di 150 persone.