Crea sito

Salerno. “GREAT ITALIAN OPERA” E L’ORCHESTRA SINFONICA DI SALERNO

(Caserta24ore) SALERNO VENERDÌ 10 AGOSTO, ORE 21 – ATRIO DEL DUOMO – INGRESSO GRATUITO Gioacchino Rossini (1792-1868), Vincenzo Bellini (1801 – 1835), Giuseppe Verdi (1813-1901), Giacomo Puccini (1858 – 1924), Pietro Mascagni (1863 – 1945), sono alcuni dei grandi compositori ai quali si deve l’ulteriore consacrazione della tradizione dell’opera italiana ad una delle più celebri nel mondo. Venerdì (10 agosto), alle ore 21, nell’atrio del Duomo l’Orchestra Sinfonica di Salerno Claudio Abbado farà il suo omaggio con un concerto ad ingresso gratuito. Con la formazione orchestrale, diretta dal M° Ivan Antonio, ci sarà il Coro Hirpini Cantores diretto dal M° Carmine d’Ambola, il soprano Anna Corvino ed il tenore Marco Ferrante. Sabato 11 agosto, alle ore 21, l’OSSCA con il soprano Anna Corvino ed il tenore Marco Ferrante saranno in concerto in piazza Duomo ad Amalfi. La serata di venerdì sarà aperta dall’esecuzione della sinfonia de “Il Barbiere di Siviglia”, l’opera buffa che Rossini scrisse molto probabilmente in pochi mesi, tra la fine del 1815 ed il febbraio del 1816, attenendosi ad uno schema formale tradizionale bipartito o alla francese con la divisione in due parti: l’andante maestoso iniziale e l’allegro con brio successivo. In scaletta anche uno dei cori più noti della storia dell’opera, il “Va pensiero” dal Nabucco di Giuseppe Verdi. Del massimo operista italiano dell’Ottocento saranno eseguite “La donna è mobile” (Rigoletto), “La vergine degli angeli” (La forza del destino), “O signore dal tetto natio” (I Lombardi alla prima crociata) e poi ancora da La Traviata il “Coro dei Mattadori”, il “Coro delle zingarelle” e “Sempre libera”. Di Pietro Mascagni l’OSSCA eseguirà l’”Intermezzo” della Cavalleria Rusticana. Aprendo le pagine degli spartiti pucciniani si potranno ascoltare da La Bohéme “Che gelida manina”, “Mi chiamano Mimì”; da Tosca “Vissi d’arte” e dalla Turandot “Nessun dorma”. Di Vincenzo Bellini, compositore catanese, sarà eseguita la sinfonia della “Norma”, che ben rappresenta nella sua struttura i contrasti e le psicologie dei personaggi dell’opera: riesce a passare da un tema solenne ad uno decisamente più romantico. L’Orchestra Sinfonica di Salerno Claudio Abbado nata nel gennaio 2016, dalla ferma volontà dell’imprenditore Gianni Di Lisa, è oggi una delle realtà musicali in grado di offrire ai giovani musicisti del territorio un’opportunità di formazione. L’organico è composto da circa 60 orchestrali. Tanti sono stati i concerti eseguiti in questi primi due anni di vita. Dal primo evento realizzato al Teatro delle Arti di Salerno il 6 aprile del 2016 ne sono seguiti molti altri: dal concerto “Viva La Musica 2016” presso il Gärten der Welt di Berlino alla stagione sinfonica tenuta nel 2017 al Teatro Augusteo di Salerno così come i concerti realizzati nella splendida cornice di Villa Rufolo a Ravello. Oltre al M° Ivan Antonio, che è direttore artistico e musicale, l’OSSCA è stata diretta dai Maestri Nicola Hansalik Samale, Georgios Balatsinos, Jacopo Sipari da Pescasseroli, Elio Orciuolo, Stefano Salvatori, Alessandro Calcagnile ed Alberto Veronesi. Oggi l’OSSCA è sostenuta da un Comitato Promotore composto da Guglielmo Barela, Massimo Orza, Bruno Centola, Augusto D’Avascio e Vittorio Salemme. Presidente dell’OSSCA è Gianni Di Lisa.