Crea sito

La Legge Elettorale va rifatta e nuove Elezioni rinnovate,

(Caserta24ore) La Legge Elettorale va rifatta e nuove Elezioni rinnovate, ma solo con due Fazioni Politiche !
La libertà e la democrazia, non il libertinaggio, consentono di esprimere il proprio parere e noi lo facciamo da Italiani e da Cattolici .Ci permettiamo solo di suggerire alla Nazione di continuare a “gridare” in maniera prioritaria la Riforma della Legge Elettorale, andare a nuove Elezioni Politiche, considerando i “problemi” con la tematica della ragione dapprima, ma poi con “forza” , affinché siano rese applicabili le attese della gente, della povera gente, volto della sofferenza od insofferenza del Paese. Di grande rilevanza da sempre nella moderna società è la dignità dell’uomo, quota di cittadini perché essi meritano rispetto, comprensione e solidarietà da ogni forma di discriminazione, di emarginazione e su queste basi vanno utilizzati tutti gli Strumenti Legislativi disponibili finalizzandoli alla gente, inseriti nel loro pieno esercizio dei loro diritti di cittadinanza.
Il popolo italiano Signori della Politica che guarda a Loro, hanno sete di verità, di giustizia, di onestà, di trasparenza, di autentici valori morali, civili incarnati nel quotidiano e non chiacchere !In Italia non è ancora svanito il sproloquiare suscitato dalle acrobatiche emblematiche circostanze nelle quali si è venuta a trovare la gente di questo n/s Bel Paese a causa di continui schieramenti Politici, col P maiuscolo come dice Papa Francesco, che si richiamano alle famose Liste Civiche per le Elezioni Politiche 2018, dove i cittadini hanno notato la “ enormità” dei Partiti, dei Movimenti Politici, dei Nuovi Partiti che fanno capo alla Politica Nazionale, che ha prodotto un profondo disorientamento e disaffezione.Certo che coloro che hanno elaborato questo “gioco elettorale”, quello della Legge Elettorale 2018 fin qui eseguita, non hanno certamente reso un grosso servizio al Paese, anzi se mai c’è ne fosse stato bisogno, hanno seminato incertezza, sfiducia, distacco, indifferenza nell’elettorato .

Secondo quanto si sente in giro, di trasformazioni, metamorfosi o ricicli nessuno ne ha più voglia e vuole che la strada da intraprendere non sia una continuazione di un passato asfittico, deludente, evanescente, ma un severo cambio di percorso mediante manovra radicale e decisa, che certamente non è quella che viene messo in atto !
Ed allora sotto le mentite spoglie di Liste Civiche, Nuovi Movimenti, Nuovi Partiti si sono “associati” tra loro costituendo diverse Formazione Politiche da sempre ed idealmente all’opposto, per non dire agli antipodi, una commistione che unisce il diavolo con l’acqua santa una composizione politica anomala e mi permetta dire disgustosa .Uno stare “insieme” con premesse sconosciute e situazioni basculanti, che hanno lasciato perplessa la gente, rimasta notevolmente disorientata.Non vorrei urtare alcuna suscettibilità provocando involontariamente repentini disordini depressivi, neurologici, asfitici, anche perché non siamo “legati” ad alcuna fede Politica , ma nel n/s Bel Paese, nell’anno di grazia 2018, amministrare la res pubblica è altalenante, incerto, misterioso, o quanto meno sembra essere privo di obiettivi, di iniziative oneste, concrete, reali .
Ormai è certo, o quasi, questo bene comune è da tempo, da troppo tempo atteso, ma molti si domandano quando arriverà il Salvatore della Patria, non certamente quello che ha detto “ La verità vi farà liberi !” (Gv. 8,32).
La legge elettorale si rifarà ? Necessitano, però, con solo due Fazioni Politiche : basta con i Centri di Potere ! Si ! necessitano premi di maggioranza che garantiscono la governabilità, ma devono essere escluse le liste di candidati in previsione ” bloccate ”, in un necessario ed utile BIPARTITISMO, che introduca solo due Fazioni Politiche, ripeto, : Basta con i Centri di Potere ! Non si risolve la situazione attuale se gli obiettivi non sono tesi alla governabilità ed essere all’unisono a quelli di una adeguata capacità di esprimere la volontà del cittadino elettore, in una nuova Legge Elettorale, nello scegliere coloro che devono rappresentare le necessità nel Parlamento futuro.I costi della Politica vanno posti in serio esame, ma oggi 2018, vi è una certa capacità di ascolto che ci porta a concepire che ormai le Espressioni Politiche anomale non sono altro che, ripeto sempre, centri di potere, che danneggiano ed hanno danneggiato il n/s Paese da troppo tempo .Quindi ben venga la riforma della Costituzione, perché alla crisi economica in atto quasi irrisolvibile per certi sensi, è facile risolvere quella politica mediante delle opportune Riforme Costituzionali . Ripeto sia ben chiaro, non facciamo politica pro e contro nessuno !La politica, “vista” nella sua essenza panoramica e da un ampia visualità della Pubblica Opinione, è quella che ancora oggi è ridotta ad un chiacchierio continuo, generico, irripetibile che complica ogni cosa, ben lontana da risolvere i problemi reali della gente !Fin ora non si declamano prospetti, propositi, programmi, proponimenti verso quei valori etici che il Magistero della Chiesa Cattolica insegna, né si “vedono” enunciazioni di Programmi con la Dottrina Sociale che pone come fondamento il bene comune !Allora riproponiamo e risuggeriamo alla Politica, due sole Fazioni Politiche per il bene dell’Italia, in quanto il “ resto “ sono Centri di Potere che hanno danneggiato e danneggiano il n/s Paese ! E con le parole del Santo Giovanni Paolo II° : “ Andiamo avanti con speranza ” !( NMI,58 )