Crea sito

LA COPPA ITALIA DI BASKET POTEVA GIOCARSI A CASERTA?

(Caserta24ore) CASERTA SPERANZA PER CASERTA CHIEDE SPIEGAZIONI AL SINDACO Come ben sapranno i tanti appassionati di basket casertani, nello scorso weekend si sono svolte le “Final Eight” di Coppa Italia di serie A2 e B, nei palasport di Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio, nelle Marche. Finali sfortunate per la Juvecaserta che è stata eliminata già ai quarti per mano di Faenza. Ma quello che invece ben pochi sanno è che Caserta poteva essere candidata ad ospitare la kermesse tricolore, se soltanto l’Amministrazione Comunale avesse dato il suo ok all’utilizzo del Palavignola, l’impianto comunale ubicato in zona ex Saint Gobain. “Siamo venuti a conoscenza – racconta il consigliere Apperti – del fatto che il 6 novembre scorso l’amministratore unico dello Sporting Club Juvecaserta, Antonello Nevola, aveva inviato al Sindaco formale richiesta via PEC in tal senso”. Per candidarsi, le società dovevano dimostrare alla Lega Pallacanestro di poter mettere a disposizione due impianti di gioco nel raggio di 30 chilometri, aventi capienza minima rispettivamente di 2000 e 1000 posti. Uno, chiaramente, era il Palamaggiò, l’altro sarebbe potuto essere il Palavignola, attuamente “casa” della Volalto (serie A2 volley femminile) grazie all’affidamento diretto senza bando della struttura che già ha destato molte polemiche lo scorso anno. “Chiediamo quindi – spiega Apperti – nella nostra interrogazione, che è all’ordine del giorno del consiglio comunale di giovedì prossimo 7 marzo, i motivi per i quali l’Amministrazione non abbia dato il suo assenso. Speriamo di ascoltare motivazioni particolarmente valide, perché con questa scelta Caserta è stata privata della possibilità di organizzare una manifestazione che porta enormi benefici alla città ospitante, con la presenza per 3 giorni di 8 squadre di serie A2 ed altrettante di serie B provenienti da tutta Italia, con occupazione di almeno 400 posti letto senza considerare le migliaia di tifosi che si spostano al seguito delle squadre, oltre alla copertura tv nazionale in chiaro”.