Crea sito

AVERSA. LA ROMEO NORMANNA OSPITA OSTUNI, IL REGISTA KRUMINS: «MIGLIORAMO PARTITA DOPO PARTITA, ABBIAMO QUALITA’ E FORZA»

Ritorna al Palajacazzi la Romeo Normanna Aversa Academy. Per la quarta giornata di campionato, il sestetto guidato da coach Scappaticcio affronta sabato 4 novembre alle 18.30, con ingresso gratuito, l’Orthogea Ostuni. La squadra pugliese in classifica è appena un punto sopra ai gialloblu, avendone conquistato cinque, e si presenta ad Aversa dopo la sconfitta interna con la Gis Pallavolo Ottaviano. La Romeo Normanna è reduce dal 3-2 di Leverano, capolista con otto punti. Un risultato che ha lasciato l’amaro in bocca a Bonetti e compagni, caduti solo al tie-break contro uno dei roster sicuri protagonisti del campionato ma, nello stesso tempo, ha dato indicazioni favorevoli sul piano del gioco e dell’intesa fra giocatori, rispetto alle gare precedenti. Il match con l’Orthogea Ostuni deve essere la conferma dei progressi intravisti a Leverano, cui bisogna aggiungere la conquista dei tre punti. Ne è convinto il Team manager Giuseppe Nerone. «Noi della gara di Leverano prendiamo di buono che la squadra si è compattata. Sicuramente oggi c’è un gruppo, il quale sta migliorando e questo ci fa essere molto fiduciosi, benché siamo distanti quattro punti dallo stesso Leverano. Certamente ci aspettiamo di più da certi atleti che abbiamo preso per farci fare il salto di qualità. Al momento non si sono espressi alla loro altezza. La partita con l’Ostuni è importante perché ci deve permettere di dare continuità, non solo dal punto di vista della classifica, ma nel miglioramento dell’affiatamento e del gioco». Un discorso colto in pieno dal regista della formazione aversana Davis Krumins. Il biondo palleggiatore, ex Modena e Latina, non nasconde le difficoltà, ma è sicuro che la strada intrapresa è quella giusta. «Stiamo migliorando, stiamo andando avanti a piccoli passi e anche la partita contro la Bcc Leverano lo ha dimostrato. Non possiamo essere certo contenti del risultato ma sicuramente è stato un miglioramento rispetto alla precedente gara in trasferta contro il Tricase. Siamo una squadra talentuosa, a volte sembra che pecchiamo un po’ di inesperienza o assenza di sintonia nel gioco, ma abbiamo delle qualità. Queste qualità possono venir fuori solo grazie al lavoro. Io credo che più passa il tempo, maggiore è la possibilità che possiamo toglierci delle soddisfazioni. L’Orthogea Ostuni, com’è giusto, verrà a fare la sua partita, ma siamo noi i fautori del nostro destino. Rispetto per gli avversari, ma non dobbiamo guardare in faccia a nessuno. Abbiamo qualità e forza per posizionarci nelle zone alte della classifica».