Crea sito

Caserta. La Camorra non molla, appalti pubblici delle Ferrovie dello Stato nel mirino dei clan

Ciò è quanto emerge dall’inchiesta della Dda di Napoli e da una serie di perquisizioni a Napoli e a Roma, nella sede di Rfi e negli uffici di alcuni dirigenti della stessa società nell’ambito di un’inchiesta per corruzione su appalti che sarebbero stati facilitati dal clan dei Casalesi. Sono una dozzina gli indagati per corruzione e turbativa d’asta aggravati dall’aver agevolato un clan di mafia.
Tra gli indagati della inchiesta ci sono parenti del capo clan in carcere Francesco ‘Sandokan’ Schiavone. Con loro anche dipendenti Rfi e vertici.